Cassis ringiovanito e “capellone”

Il simpatico ritratto fa parte della campagna del Parlamento dei giovani per avvicinare le nuove generazioni alla politica

Cassis ringiovanito e “capellone”

Cassis ringiovanito e “capellone”

Cassis ringiovanito e “capellone”
Cassis e Parmelin si scoprono ringiovaniti

Cassis ringiovanito e “capellone”

Cassis e Parmelin si scoprono ringiovaniti

BERNA - Come starebbe Ignazio Cassis con dei folti capelli ricci? E Guy Parmelin tatuato? Sembrava impossibile saperlo, ma grazie all'iniziativa della Federazione Svizzera dei Parlamenti dei Giovani (FSPG) non più. I rappresentanti dei Parlamenti dei giovani hanno infatti incontrato i Consiglieri federali per consegnare loro personalmente una stampa dei loro ritratti per la campagna "Ringiovanisci la politica svizzera" - che vuole sensibilizzare le nuove generazione al coinvolgimento in un parlamento dei giovani - in cui appaiono con uno stile diverso e ringiovanito. La campagna sottolinea, con umorismo, quanto la politica sia generalmente lontana dal mondo dei giovani. 

La reazione dei consiglieri federali ai loro ritratti "ringiovaniti" per la FSPG è stata molto positiva. Il Consigliere federale Ignazio Cassis ha affermato con entusiasmo: "La maglietta sarebbe davvero potuta essere mia, ero un grandissimo fan dei Supertramp!". Il Consigliere federale Guy Parmelin, invece, ha ammesso sorpreso: "Quello che mi impressiona di più sono i tatuaggi – io non ne ho!".

Cassis e Parmelin si scoprono ringiovaniti
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Il caso

    Fatture gonfiate alla RUAG?

    Secondo un’inchiesta di due domenicali avrebbe, per anni, fatturato decine di milioni di franchi di troppo al Dipartimento federale della difesa - La società controllata dalla Confederazione respinge le accuse

  • 2
    Influenza stagionale

    È già troppo tardi
    per vaccinarsi

    Il farmaco è andato esaurito - le dosi vendute sono state 1,2 milioni - e non è più disponibile per l’epidemia di quest’inverno

  • 3
    Zurigo

    Bus contro un muro: morta una donna

    I feriti nel grave incidente stradale sull’autostrada A3 sono 44, di cui tre gravi - Il mezzo proveniva da Genova ed era diretto in Germania - Ancora ignote le cause del sinistro

  • 4
    Giustizia

    Fu un licenziamento abusivo

    Il TAF ha statuito che l’esercito dovrà indennizzare con 18 mesi di salario un medico turbato dalla morte di una recluta

  • 5