Chiesta una pena sospesa per frode elettorale

A processo un 31.enne svizzero membro dell'UDC vallesano accusato di aver falsificato delle schede alle elezioni cantonali del marzo 2017

Chiesta una pena sospesa per frode elettorale

Chiesta una pena sospesa per frode elettorale

BRIGA (VS) - Il Ministero pubblico vallesano ha richiesto oggi 15 mesi di prigione con la condizionale per il presunto autore della frode elettorale commessa alle elezioni cantonali vallesane del marzo 2017. La sentenza sarà resa pubblica il prossimo 7 settembre al Tribunale di Briga, ha indicato oggi il giudice alla fine dell'udienza.

L'accusato, un 31.enne svizzero membro dell'UDC, avrebbe falsificato almeno 199 schede di voto nell'Alto Vallese: si sarebbe impossessato del materiale elettorale inviato per votare - a favore del proprio partito - al posto dei destinatari.

La procura cantonale ha chiesto al tribunale di riconoscere l'accusato colpevole di furto, falsità in documenti e frode elettorale. È stata domandata inoltre una multa di 2000 franchi, così come l'obbligo di sostenere i costi dell'inchiesta pari a 41'000 franchi.

Il procuratore ha ritenuto che l'uomo abbia agito con metodo e dispiegando "una grande energia criminale". L'uomo in passato era già stato condannato, ma per fatti di altra natura, ha precisato il procuratore. Quest'ultimo ha aggiunto che una pena pecuniaria non sarebbe sufficiente, ma ha concesso una sospensione con la condizionale di tre anni.

La difesa ha invece respinto in blocco le accuse del procuratore. Il suo cliente ha sì commesso una frode elettorale, ma non ha pianificato le sue azioni. Inoltre, il furto delle schede non è stato commesso a scopo di arricchimento. La difesa ha anche avanzato la richiesta di una riduzione di pena a causa dei problemi di salute dell'imputato: al momento dei fatti, l'uomo non era fisicamente e psicologicamente al 100% ed era sotto influenza di farmaci e alcool.

Il procuratore si è però opposto a questi argomenti, poiché la difesa avrebbe dovuto richiedere la perizia psichiatrica per invocare l'irresponsabilità. Dubbi sono stati espressi anche in merito alle azioni senza pianificazione: il 31.enne si sarebbe infatti recato in numerosi quartieri di più comuni per rubare il materiale di voto dalle cassette delle lettere, prima di aprire le buste, compilare le schede e depositarle nelle urne.

I comuni altovallesani di Briga, Visp e Naters avevano inoltrato una denuncia a seguito di sospetti casi di brogli emersi in occasione delle elezioni per il Consiglio di Stato nel 2017. Nelle tre località i diversi cittadini si erano lamentati di non aver ricevuto per posta il materiale di voto, mentre dai registri risultava che avevano già votato.

Inizialmente l'UDC cantonale aveva fatto ricorso al Tribunale federale (TF) chiedendo l'effetto sospensivo del risultato elettorale, proprio a seguito di queste irregolarità. Aveva tentato di rinviare la cerimonia di giuramento e di entrata in carica dell'esecutivo, ma i giudici federali avevano respinto la richiesta.

Il TF tuttavia aveva invitato la cancelleria cantonale a garantire la conservazione del materiale di voto fino al termine della procedura federale. In seguito, era poi emerso che il presunto autore della frode era proprio un membro dell'UDC dell'Alto Vallese.

Lo scorso maggio si è poi scoperto che l'uomo aveva due complici, una donna e il figlio di quest'ultima, che l'hanno aiutato a manipolare una sessantina di schede di voto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    vallese

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 2
    scuole

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 3
  • 4
    Task force

    Quarantena? Non meno di 10 giorni

    Gli esperti della Confederazione non approvano la proposta di accorciare il periodo di isolamento: meno persone sarebbero protette dall’infezione da coronavirus

  • 5
  • 1