Confermata condanna per commenti su Facebook, ma non per "like"

ZURIGO - Il Tribunale superiore zurighese ha confermato in appello la pena pecuniaria con la condizionale inflitta l'anno scorso a un uomo che aveva postato commenti diffamatori contro l'animalista turgoviese Erwin Kessler. Non ha però giudicato punibile un "mi piace" da lui cliccato sotto un altrui contributo in cui si ricordava una condanna di Kessler per discriminazione razziale.

L'imputato, un 47enne degli ambienti vegani, era stato condannato in prima istanza a fine maggio 2017 dal Tribunale distrettuale di Zurigo per ripetuta diffamazione ad una pena pecuniaria di 4000 franchi sospesa con la condizionale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca