Donna truffata da falsa poliziotta, le ha trasferito 3,6 milioni

ZURIGO

Per mesi la vittima del raggiro ha ricevuto almeno una telefonata al giorno da parte della sconosciuta che la invitava a mettere in salvo i suoi averi

Donna truffata da falsa poliziotta, le ha trasferito 3,6 milioni
(Foto Maffi)

Donna truffata da falsa poliziotta, le ha trasferito 3,6 milioni

(Foto Maffi)

ZURIGO - Una donna del canton Zurigo è rimasta vittima di una truffa telefonica ed ha trasferito nel giro di cinque mesi 3,6 milioni di franchi sui conti di una falsa poliziotta e dei suoi complici.

Tutto è iniziato lo scorso mese di novembre, quando la donna ha ricevuto la chiamata di una sconosciuta che sosteneva di essere una agente di polizia, scrivono oggi in una nota congiunta la polizia cantonale e il Ministero pubblico zurighesi.

La falsa poliziotta le ha fatto credere che dei malintenzionati volevano impossessarsi dei suoi risparmi. Per mesi la vittima del raggiro ha ricevuto almeno una telefonata al giorno da parte della sconosciuta che la invitava a mettere in salvo i suoi averi, trasferendoli su altri conti, ma di non raccontare nulla a nessuno.

Gli autori del raggiro - si legge nella nota - sono riusciti col tempo a costruire in modo subdolo un rapporto di empatia con la loro vittima e ad esercitare su di lei una pressione psicologica.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1

    Morti sulle strade, mai così pochi dal 1940

    in svizzera

    Nel 2019 il numero dei decessi legati a incidenti della circolazione è sceso per la prima volta sotto quota 200 – I dati evidenziano un significativo miglioramento della situazione e conferma un trend in corso da diversi anni – Il treno è il mezzo di trasporto statisticamente più sicuro

  • 2

    I figli rinchiusi, picchiati e umiliati

    Violenze

    Un 49.enne del Kosovo e la ex moglie svizzera a processo davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo per gravi maltrattamenti sui due loro bimbi - Stando alle accuse, i piccoli non potevano neanche usare il bagno e andavano a scuola coi vestiti che odoravano di urina - L’uomo sarebbe anche responsabile di toccamenti a sfondo sessuale

  • 3
  • 4

    Mascherine a scuola: le diverse opzioni in Svizzera

    Coronavirus

    L’insegnamento potrà svolgersi in classi al completo solo a condizione che le misure sanitarie vengano rispettate, indica la Conferenza intercantonale dell’istruzione pubblica della Svizzera romanda e del Ticino

  • 5
  • 1
  • 1