Franchigia adeguata all'evoluzione dei costi

SANITÀ - Assicurazione malattia obbligatoria, il Consiglio federale ha approntato il suo messaggio

Franchigia adeguata all'evoluzione dei costi

Franchigia adeguata all'evoluzione dei costi

BERNA - L'importo della franchigia deve essere adeguato all'evoluzione dei costi dell'assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie. Nella sua seduta del 28 marzo 2018 il Consiglio federale ha deciso di trasmettere al Parlamento un messaggio in questo senso, adempiendo una mozione adottata dalle due Camere.

Dal 1996 i premi dell'assicurazione malattie sono più che raddoppiati, mentre i salari e le rendite non hanno potuto tenere il passo con questo aumento. In questo contesto il Parlamento ha accolto alla fine del 2016 una mozione del consigliere agli stati Ivo Bischofsberger che incarica il Consiglio federale di modificare la legge sull'assicurazione malattie (LAMal) per adeguare l'importo delle franchigie all'evoluzione dei costi dell'AOMS.

Il Consiglio federale propone di aumentare di 50 franchi tutte le franchigie degli assicurati adulti quando i costi superano una certa soglia. La frequenza degli aumenti sarà quindi variabile in funzione dell'aumento dei costi. A seguito del nuovo sistema di calcolo tutti gli assicurati adulti dovranno partecipare in modo più marcato ai costi. La mozione intende rafforzare la responsabilità individuale degli assicurati nel ricorso a prestazioni mediche e limitare l'aumento dei costi della sanità e quindi dei premi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    vallese

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 2
  • 3
    scuole

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 4
  • 5
    Task force

    Quarantena? Non meno di 10 giorni

    Gli esperti della Confederazione non approvano la proposta di accorciare il periodo di isolamento: meno persone sarebbero protette dall’infezione da coronavirus

  • 1