Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Verso il 12 febbraio - Il comitato di sostegno sul fondo FOSTRA: opportunità storica per creare nuove basi di finanziamento

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Il comitato espone le proprie argomentazioni a Berna.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri
Peter Goetschi durante la conferenza stampa.

Garantire le risorse ai trasporti svizzeri

Peter Goetschi durante la conferenza stampa.

BERNA - "Il FOSTRA è uno strumento finanziario concepito in modo intelligente, equilibrato e responsabile. È quindi in grado di garantire uno sviluppo sostenibile della mobilità moderna in Svizzera". Se ne dice convinto un comitato di sostegno che, quest'oggi a Berna, ha presentato le proprie argomentazioni in vista della votazione del prossimo 12 febbraio.

"La votazione sul fondo FOSTRA - si legge in una nota - rappresenta un'opportunità storica per creare nuove basi di finanziamento delle infrastrutture di trasporto atte a rafforzare la rete di trasporto in tutta la Svizzera". Il FOSTRA è sostenuto da una forte coalizione super partes, in tutta la Svizzera. Oltre a quasi tutti i partiti si dichiarano a favore del FOSTRA anche i Cantoni, le regioni periferiche e di montagna, le città e i paesi, nonché numerose associazioni.

Una rete di trasporto funzionale ed efficiente non è sbilanciata, se costruita in egual misura per il trasporto stradale e su ferrovia, "soprattutto se si intende continuare a sviluppare in futuro il collegamento delle due principali modalità di trasporto all'interno del Paese", ha affermato il presidente centrale TCS, Peter Goetschi. I programmi d'agglomerato si basano altresì su una valutazione complessiva del sistema di trasporto. "Grazie al FOSTRA il sistema di trasporto nelle città e negli agglomerati sarà ulteriormente sviluppato in modo ragionevole. Poiché la maggior parte della popolazione svizzera utilizza regolarmente sia l'auto sia i mezzi pubblici, il FOSTRA è una soluzione per tutti".

MarieFrance Roth Pasquier, consigliere comunale di Bulle (FR), ha sottolineato che senza il finanziamento del FOSTRA, non possono essere realizzati i progetti d'agglomerato: "La popolazione e l'economia nelle città e negli agglomerati - ha rilevato - ne risentirebbero e gli effetti di un rifiuto sarebbero percepibili nell'intero Paese". Pertanto, tra gli altri, l'Associazione svizzera dei Comuni, raccomanda un SÌ al FOSTRA.

Il FOSTRA, inoltre, offrirebbe benefici non solo alle città e agli agglomerati, ma grazie ad esso anche le regioni rurali e di montagna vengono collegate meglio con i centri. La manutenzione delle infrastrutture stradali nelle zone rurali e di montagne della Svizzera è molto costosa. A causa delle condizioni topografiche numerosi ponti, tunnel e gallerie devono essere curati strutturalmente. Con l'acquisizione di circa 400 km di strade cantonali, le regioni periferiche e di montagna vengono sgravate finanziariamente. Il Governo federale si occuperà infatti d'ora in poi della loro manutenzione e ai cantoni rimarranno così più fondi per la costruzione e la manutenzione di strade di livello inferiore.

"Grazie al fondo FOSTRA, l'urbanizzazione e l'accessibilità dei cantoni delle regioni di montagna vengono notevolmente migliorate", ha dichiarato Laurent Favre, Vice presidente del Gruppo svizzero per le regioni di montagna, il tutto a beneficio della popolazione locale e dei molti ospiti in vacanza. "Non da ultimo il FOSTRA offre alla nostra economia la necessaria sicurezza di pianificazione, affinché le nostre infrastrutture di trasporto possano essere costruite e mantenute nel modo più efficiente possibile, come già avviene con il Fondo Infrastrutture Ferroviarie" ha dichiarato Hans Wicki, presidente di costruzione svizzera e consigliere agli stati del cantone di Nidvaldo. 

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1