Il "Patto mondiale per la migrazione è nel nostro interesse"

Lo afferma l'ambasciatore svizzero Pietro Mona - La Svizzera acquisirebbe strumenti supplementari per negoziare accordi di riammissione con altri Stati, tra cui l'Eritrea

Il "Patto mondiale per la migrazione è nel nostro interesse"

Il "Patto mondiale per la migrazione è nel nostro interesse"

BERNA - Firmare il Patto mondiale per la migrazione delle Nazioni Unite (Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration) è nel nostro interesse di piccolo Paese. Parola dell'ambasciatore svizzero Pietro Mona secondo cui, in un'intervista rilasciata al "Blick", la Svizzera rischia di perdere credibilità se dovesse rimanersene in disparte.

A parere del diplomatico ticinese, capo della delegazione che ha negoziato questo documento a New York, il patto dell'Onu dà alla Svizzera strumenti supplementari per negoziare accordi di riammissione con altri Stati, come l'Eritrea. Un piccolo paese come la Svizzera, aggiunge, dipende dalla cooperazione internazionale. Ebbene, questo patto non vincolante di 34 pagine è il primo strumento a livello internazionale volto a far sì che gli Stati cooperino al ritorno dei propri cittadini. Il fatto che la Confederazione rispetti già i 23 obiettivi di questo accordo non rappresenta un ostacolo sufficiente alla sua partecipazione, ha sottolineato Mona. Tra l'altro, ha spiegato, è in gioco la nostra credibilità. "Non possiamo esigere da altri Paesi che rispettino dei principi per i quali noi stessi non vogliamo impegnarci".

Il Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration è stato adottato dall'assemblea generale delle Nazioni Unite in luglio e dovrebbe essere firmato ufficialmente durante una conferenza a Marrakech che si terrà il 10 e l'11 dicembre. Gli Stati Uniti, l'Austria, l'Ungheria e l'Australia hanno già deciso che si asterranno. A questi Paesi potrebbe aggiungersi la Polonia. Diverse commissioni parlamentari hanno chiesto al Consiglio federale di non approvare il documento finché le Camere non avranno esaminato le implicazioni politiche di questo testo. Il Consiglio federale vorrebbe firmalo, ma con riserva

"La migrazione è un argomento che suscita parecchie emozioni, è risaputo", ha commentato l'alto funzionario del Dipartimento federale degli affari esteri. Il patto è il frutto di trattative fra 192 Stati. "È comprensibile che non tutti in Parlamento siano d'accordo con l'insieme gli aspetti evocati nel testo", ha detto Mona al quotidiano zurighese. "Noi, tuttavia, abbiamo dato tutto per ottenere il miglior risultato possibile". Insomma, il patto così come è uscito dalle discussioni è in linea con i nostri interessi.

L'accordo enumera dieci principi e 23 obiettivi generali per migrazioni sicure, ordinate e regolari. Si tratta di un catalogo di misure che diverge col diritto svizzero per quanto attiene alla detenzione in vista di un allontanamento o espulsione di minori di almeno 15 anni. La legislazione elvetica consente questo tipo di detenzione, mentre il patto raccomanda di evitare simili misure.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    sanità

    Vaccino influenzale quasi tutto riservato

    La seconda fornitura è in distribuzione ma per il momento resta la precedenza alle categorie a rischio – Giovan Maria Zanini: «Abbiamo chiesto uno stock d’emergenza»

  • 2
    vallese

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 3
  • 4
    scuole

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 5
  • 1