Il Reno si abbassa: bisogna ricorrere alle scorte di benzina

Interrotti i flussi di imbarcazioni fra Rotterdam e Basilea: la Confederazione autorizza l'utilizzo delle riserve strategiche nazionali di carburante

Il Reno si abbassa: bisogna ricorrere alle scorte di benzina

Il Reno si abbassa: bisogna ricorrere alle scorte di benzina

BERNA - Dopo l'autorizzazione al prelievo per la vendita di 30'000 metri cubi di diesel dalle scorte strategiche nazionali, a causa del basso livello delle acque del Reno, la Confederazione ha ora avallato l'utilizzo di 35'000 metri cubi di benzina e ulteriori 75'000 metri cubi di diesel.

La decisione odierna dell'Ufficio federale per l'approvvigionamento economico del Paese (UFAE) è legata ai bassi livelli del fiume Reno, che hanno provocato praticamente l'interruzione del flusso di imbarcazioni fra Rotterdam e Basilea. Le capacità garantite da rotaie e pipeline non sono sufficienti, ha spiegato a Keystone-ATS Lucio Gastaldi, del settore Energia e Industria dell'UFAE.

Alle scorte obbligatorie si era già fatto ricorso in passato a causa di difficoltà tecniche, per esempio nel 2015 a causa di un guasto alla raffineria di Cressier (NE).

Gli stock strategici devono essere mantenuti per soddisfare la domanda in caso di perturbazione dell'approvvigionamento. La Confederazione fissa la composizione e il volume delle riserve obbligatorie, ma non detiene le scorte, competenza delle imprese private che le costituiscono.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    trasporti

    La rivoluzione invisibile

    Un tunnel sotterraneo lungo 500 chilometri destinato unicamente alle merci collegherà i principali centri urbani a nord delle Alpi - Dopo il via libera delle Camere federali ora serve trovare i finanziamenti - «Il principio è quello degli aeroporti ma viene esteso su scala nazionale»

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
    austria

    Stadler Rail: sfuma una commessa miliardaria a causa di firma digitale errata

    Il tribunale amministrativo federale di Vienna ha accolto un ricorso del concorrente Alstom, ravvisando l’esistenza di un errore formale nell’offerta del costruttore ferroviario elvetico e dichiarando di conseguenza nulla l’ordinazione effettuata dalle Österreichischen Bundesbahnen (ÖBB) riguardante 185 treni a due piani

  • 1