L'astrofisico svizzero Michel Mayor premiato in Giappone

BERNA - L'astrofisico svizzero Michel Mayor ha ricevuto oggi in Giappone un nuovo premio, il prestigioso Kyoto dell'edizione 2015, uno dei riconoscimenti più dotati nelle scienze e nella cultura (360.000 euro, circa 389.000 franchi) dopo il Nobel. Lo indica la fondazione giapponese Inamori, che assegna il premio dal 1984 nella città imperiale di Kyoto a personalità che si sono distinte per la loro carriera.

Il 73enne vodese Mayor nel 1995, insieme al suo collega Didier Queloz dell'osservatorio e dell'università di Ginevra, ha provato per la prima volta l'esistenza di un pianeta al di fuori del Sistema solare. Da allora centinaia di tali pianeti sono stati individuati e numerosi di essi proprio grazie al professor Mayor e alla sua squadra di ricercatori.

Quest'anno Mayor ha già ottenuto la medaglia d'oro in astronomia della Royal Astronomical Society. In precedenza il ricercatore aveva già ricevuto fra l'altro la Medaglia Albert-Einstein, il premio Marcel Benoist e il Balzan. Nel 2013 la prestigiosa rivista britannica Nature lo ha posto fra i dieci scienziati dell'anno.

Oggi la fondazione Inamori ha conferito il premio Kyoto anche al chimico giapponese Toyoki Kunitake e al direttore del balletto di Amburgo (D) John Neumeier.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Kriessern

    Quindicenne annega in un laghetto sangallese

    Il giovane tedesco, residente nella regione, stava facendo il bagno nel Baggersee con quattro amici - Ritrovato a 7 metri di profondità, il ragazzo è morto poco dopo il ricovero

  • 2
    in svizzera

    Morti sulle strade, mai così pochi dal 1940

    Nel 2019 il numero dei decessi legati a incidenti della circolazione è sceso per la prima volta sotto quota 200 – I dati evidenziano un significativo miglioramento della situazione e conferma un trend in corso da diversi anni – Il treno è il mezzo di trasporto statisticamente più sicuro

  • 3
    Violenze

    I figli rinchiusi, picchiati e umiliati

    Un 49.enne del Kosovo e la ex moglie svizzera a processo davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo per gravi maltrattamenti sui due loro bimbi - Stando alle accuse, i piccoli non potevano neanche usare il bagno e andavano a scuola coi vestiti che odoravano di urina - L’uomo sarebbe anche responsabile di toccamenti a sfondo sessuale

  • 4
  • 5
    Coronavirus

    Mascherine a scuola: le diverse opzioni in Svizzera

    L’insegnamento potrà svolgersi in classi al completo solo a condizione che le misure sanitarie vengano rispettate, indica la Conferenza intercantonale dell’istruzione pubblica della Svizzera romanda e del Ticino

  • 1