«Le mie priorità: sicurezza, puntualità e pulizia»

nomina

Le prime dichiarazioni di Vincent Ducrot, nuovo CEO delle FFS - La presidente del CdA, Monika Ribar, spiega: «Grande conoscitore dei trasporti pubblici, è la persona giusta per le sfide del futuro» - Il SEV: «Buona scelta, ma il compito non è facile»

«Le mie priorità: sicurezza, puntualità e pulizia»
©Keystone/Moritz Hager

«Le mie priorità: sicurezza, puntualità e pulizia»

©Keystone/Moritz Hager

(Aggiornata alle 12.30) Vincent Ducrot sarà il nuovo responsabile delle FFS, la più grande azienda di trasporti della Svizzera, con circa 32.300 dipendenti. Il Consiglio di amministrazione ha nominato oggi il 57.enne friburghese che succederà ad Andreas Meyer.

Tre diverse fonti hanno confermato a Keystone-ATS le informazioni della Aargauer Zeitung. Le FFS informeranno nel primo pomeriggio.

Ducrot è direttore generale dei Trasporti pubblici friburghesi (TPF) dal giugno 2011. In precedenza era stato a capo del traffico a lunga percorrenza (traffico passeggeri) delle FFS.

Laureato al Politecnico federale di Losanna (EPFL), è entrato alle FFS nel 1993. Responsabile della gestione di molti progetti, ha pure contribuito all’organizzazione di trasporto pubblico all’esposizione nazionale Expo.02 (1700 treni supplementari per i circa 3,5 milioni di visitatori).

«Vincent Ducrot conosce a fondo la ferrovia integrata, è molto ben inserito nel settore dei trasporti pubblici nonché nel mondo politico e ha buone relazioni con i partner sociali», ha dichiarato Monika Ribar, presidente del Consiglio d’Amministrazione delle FFS. In un’epoca caratterizzata da una forte crescita del traffico e da un gran numero di cantieri, le FFS devono stabilizzare e migliorare il proprio core business senza perdere di vista le tendenze future e «proprio in questo Vincent Ducrot è la persona giusta per raccogliere le sfide dei prossimi anni.»

Il futuro CEO ha precisato quanto sia importante il dialogo con il personale, i clienti, i committenti e i partner sociali. Nell’esercizio ferroviario è fondamentale saper convincere con la qualità: «Sicurezza, puntualità e pulizia sono per me prioritari», ha sottolineato Ducrot, concludendo che «a questi si aggiunge una buona informazione alla clientela, soprattutto in caso di disagi nel traffico ferroviario».

«Una buona scelta, ma non ha un compito facile davanti a sé»

Il Sindacato del personale dei trasporti (SEV) si augura che il nuovo CEO «stabilisca le giuste priorità». Vincent Ducrot conosce il servizio pubblico ed è consapevole dell’importanza delle Ferrovie federali svizzere. In questo senso, è stato una «buona scelta» secondo il SEV.

Il nuovo responsabile dell’ex regia federale non ha certo un compito facile davanti a sé, ha dichiarato Barbara Spalinger, vicepresidente del SEV, all’agenzia di stampa Keystone-ATS. Ducrot ora deve riportare la calma nell’azienda.

Spalinger ha ribadito la richiesta del sindacato di porre fine a tutte le riorganizzazioni che non portano vantaggi diretti all’attività. Queste erano state decise basandosi troppo su criteri finanziari e i loro effetti non erano stati sufficientemente considerati.

I principali cantieri da affrontare ora sono il trasporto passeggeri e la manutenzione, secondo la sindacalista. La riorganizzazione del trasporto passeggeri si è rivelata difficile e le FFS si sono concesse una pausa di riflessione. Il personale ha registrato fluttuazioni anomale per le FFS.

Per quanto riguarda il ruolo di Ducrot nell’acquisto dei treni a due piani Bombardier, Spalinger ha sottolineato che di certo non ha preso la decisione da solo. Dal 1999 Ducrot era a capo del settore dei trasporti a lunga percorrenza e ha partecipato, tra l’altro, al più grande acquisto di veicoli nella storia delle FFS.

Nel 2010 le FFS hanno ordinato 62 treni alla Bombardier. Originariamente avrebbero dovuto essere consegnati nel 2013. Tuttavia, la consegna dell’ordinazione da 1,9 miliardi di franchi è stata ripetutamente ritardata. Ad oggi, solo 25 treni sono stati consegnati alle FFS, ma non tutti sono ancora in servizio. L’intera flotta non sarà consegnata prima dell’estate 2021.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1