Maudet: petizione online affinché rassegni le dimissioni

GINEVRA - La raccolta firme contro il consigliere di Stato ginevrino ha già raccolto migliaia di adesioni

Maudet: petizione online affinché rassegni le dimissioni

Maudet: petizione online affinché rassegni le dimissioni

GINEVRA - Pierre Maudet deve rassegnare le dimissioni: è quanto auspica una petizione online che ha nel frattempo raccolto migliaia di adesioni. Contro il consigliere di Stato ginevrino, ormai da tempo nella bufera per un viaggio super-lusso negli Emirati Arabi Uniti e per aver celato la verità, scende anche in campo un collega di partito: il consigliere nazionale Benoît Genecand (PLR/GE) lo invita a lasciare il potere.

"Crediamo che Pierre Maudet non possa più rimanere membro del consiglio di stato, indipendentemente dall'esito futuro del procedimento giudiziario, perché non abbiamo più fiducia in lui", scrive il promotore della petizione, Didier Tischler Taillard, sul sito www.change.org/p/pierre-maudet-pierre-maudet-démission.

Taillard rimprovera a Maudet - che è stato anche candidato al Consiglio federale in concorrenza con Ignazio Cassis - la "perdita di credibilità", "l'eventuale corruttibilità" e le sue "menzogne". La petizione stamane alle 08.30 aveva raccolto 4726 sottoscrizioni.

Da parte sua anche il consigliere nazionale Genecand invita a titolo personale Maudet a gettare la spugna. "Per dirigere occorre essere credibile", afferma in un'intervista pubblicata dalla Tribune de Genève e da 24 Heures. A suo avviso il consigliere di stato ha perso gran parte della sua credibilità: la sua posizione non è buona né per lui, né per il partito, né per il cantone.

Secondo Genecand la strategia della presidenza cantonale di lasciare il tempo a Maudet di rassegnare le dimissioni è fallita. "C'è un problema di valutazione dei fatti", osserva il deputato. "Pierre Maudet ha convinto se stesso e i suoi sostenitori che se il capo è stato minacciato, è stata colpa della magistratura, della stampa, della polizia e delle istituzioni. Il risultato è che ci ritroviamo con una persona che non si assume le sue responsabilità, indebolisce le istituzioni insistendo per rimanere al suo posto e attacca la loro legittimità. Per un rappresentante del PLR, la cui storia è legata alle istituzioni, ciò è piuttosto singolare", conclude il consigliere nazionale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    Telefonia mobile

    Piattaforma di dialogo sul 5G, e la ComCom lamenta i ritardi

    I fautori della nuova tecnologia fanno fronte comune per rispondere alle preoccupazioni delle popolazione - Ci sono anche tre «ambasciatori» ticinesi - Intanto la Commissione delle comunicazioni ha scritto a tutti i consiglieri federali

  • 2
  • 3
    Telecomunicazioni

    Una piattaforma per conoscere meglio il 5G

    I sostenitori della nuova tecnologia lanciano «CHANCE5G», per avviare un dialogo con la popolazione sulla nuova infrastruttura mobile, in particolare per quanto riguarda le preoccupazioni legate agli effetti per la salute

  • 4
    Sentenza

    Gli articoli a pagamento vanno segnalati come pubblicità

    Consiglio svizzero della stampa ha accolto un reclamo contro i portali di Tamedia che per mesi hanno pubblicato - accanto ad articoli redazionali - pubblicità in favore dell’iniziativa «Per imprese responsabili», in votazione il prossimo 29 novembre

  • 5
    canton zurigo

    Migros vende il centro commerciale Glatt

    L’acquirente è Swiss Life, che continuerà a gestire il centro - Con un fatturato di circa 600 milioni di franchi e superfici di vendita per 53.000 metri quadrati è fra i più grandi in Svizzera

  • 1