Nuove guardie di confine diplomate

Sedici aspiranti ticinesi hanno prestato giuramento a Berna e hanno ottenuto il brevetto federale

Nuove guardie di confine diplomate

Nuove guardie di confine diplomate

BERNA - È in un'affollata cattedrale di San Vincenzo a Berna che 52 aspiranti guardie di confine provenienti da tutta la Svizzera (di cui 16 dal Ticino) hanno recentemente prestato giuramento. Per ottenere il brevetto federale di guardia di confine, gli aspiranti hanno dovuto soddisfare una serie di requisiti pratici e teorici. L'anno di formazione a Liestal (BL) è stato intercalato da diversi stage sul territorio attraverso i quali i giovani agenti hanno potuto mettere in pratica le nozioni teoriche acquisite.

Di seguito l'elenco dei nuovi diplomati: Davide Antognini, Alex Armanini, Michel Bieri, Jesse Ghidoni, Norman Marchetti, Ruben Musto, Andrea Norambuena, Alessandro Parenti, Mirco Ramoni, Richard Rodrigues, Alessio Scarano, Ivan Sforza, Alessandro Simonetta, Stefano Solèr, Clarissa Taiana, Samas Valsecchi. Da segnalare, tra gli agenti promossi, Alessandro Parenti ed Alessio Scarano per aver ottenuto a pari merito la miglior media (5,4) tra gli agenti ticinesi agli esami pratici.

Il 2 luglio 2018 si è aperto a Liestal il nuovo anno di formazione al quale sono iscritti 18 aspiranti guardie di confine.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    vallese

    Le sfide di un comprensorio sciistico binazionale

    Les Portes du Soleil al confine franco-svizzero sarà confrontato con misure sanitarie diverse con impianti chiusi da una parte e aperti dall’altra - Si prevede una navetta per recuperare i clienti francesi ma il governo vallesano non ci sta

  • 2
  • 3
    scuole

    Coronavirus, insegnanti romandi al limite

    I sindacati chiedono più risorse per il settore confrontatao a misure sanitarie, occuparsi degli allievi malati o in quarantena, colmare le assenze dei colleghi, seguire i sostituti o formarsi per palleggiare la tecnologia

  • 4
  • 5
    Task force

    Quarantena? Non meno di 10 giorni

    Gli esperti della Confederazione non approvano la proposta di accorciare il periodo di isolamento: meno persone sarebbero protette dall’infezione da coronavirus

  • 1