I DATI

Posta: sempre meno pagamenti allo sportello, sempre più online

Il fenomeno si è accentuato nel 2018, con una contrazione (rispetto all’anno prima) del 10% dei pagamenti cartacei e un aumento del 12,5% di quelli elettronici

Posta: sempre meno pagamenti allo sportello, sempre più online
(Foto Zocchetti)

Posta: sempre meno pagamenti allo sportello, sempre più online

(Foto Zocchetti)

BERNA - Sempre meno pagamenti allo sportello della Posta, sempre più online attraverso Postfinance: il fenomeno si è accentuato nel 2018, con una contrazione (rispetto all’anno prima) del 10% dei pagamenti cartacei e un aumento del 12,5% di quelli elettronici.

Anche i prelievi di contanti presso gli uffici postali, i Postomat e le aziende partner come FFS o Migros sono in calo, poiché i clienti utilizzano maggiormente modalità di pagamento alternative al denaro contante. Lo rileva l’Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM), che ha esaminato le prestazione della Posta nel settore del traffico dei pagamenti, trovandole conformi alla legge.

Nell’anno in esame il 96% della popolazione residente permanente poteva raggiungere nell’arco di 30 minuti, a piedi o con mezzi pubblici, gli uffici postali dove è possibile effettuare versamenti in contanti. Questo valore medio a livello svizzero è superiore alla quota del 90% stabilita nell’ordinanza sulle poste. Se si considerano anche le economie domestiche che beneficiano del servizio a domicilio, l’accesso era garantito per il 98% della popolazione residente permanente.

Dal primo gennaio 2019 vigono peraltro requisiti di raggiungibilità più severi. Ora infatti a contare non è più la media nazionale, bensì quella calcolata a livello di ciascun cantone. Inoltre, l’unità temporale di riferimento per la raggiungibilità delle prestazioni nel settore postale e del traffico dei pagamenti è stata unificata a 20 minuti.

Nelle zone in cui la popolazione non ha a disposizione un ufficio postale ma è presente un’agenzia, la Posta deve ora fornire la possibilità di effettuare pagamenti in contanti a domicilio. Inoltre nelle zone urbane ogni 15’000 abitanti o lavoratori la Posta deve avere almeno un punto di accesso (ufficio postale o agenzia). Ogni volta che verrà superata una soglia di 15’000 impiegati o abitanti il gigante giallo dovrà aprire un ulteriore «sportello».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1