Propaganda terroristica, parte il processo

Nicolas Blancho, Qaasim Illi e Naim Cherni sul banco degli imputati al TPF di Bellinzona - Simpatizzanti davanti all'ingresso inscenano una manifestazione di sostegno

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

Propaganda terroristica, parte il processo

BELLINZONA - Tre dirigenti del Consiglio centrale islamico della Svizzera (CCIS) sono oggi al Tribunale penale federale (TPF) di Bellinzona con l'accusa di propaganda a favore del terrorismo. Il processo si concluderà domani. La lettura della sentenza è prevista per il 25 maggio.

Il presidente del CCIS Nicolas Blancho, il responsabile della comunicazione Qaasim Illi - entrambi 34enni svizzeri convertiti all'Islam - e il 26enne "produttore culturale" dell'organizzazione Naim Cherni, un tedesco residente a Berna, devono rispondere dell'accusa di aver violato la legge federale che vieta i gruppi terroristici al-Qaida e Stato islamico nonché le organizzazioni associate. Davanti alla sede del tribunale, presenti anche diversi manifestanti che simpatizzano con il Consiglio islamico. Da segnalare la "preghiera" del presidente che si è detto certo che tutto andrà bene e i cori "Allah u akbar" (Allah è grande).

Il Ministero pubblico della Confederazione in settembre ha rinviato a giudizio i tre per alcuni video ritenuti opera di propaganda a favore di al-Qaida o di un gruppo ad essa associato. Cherni è accusato di aver fatto le riprese nell'ottobre del 2015 in Siria. I filmati sono stati poi approvati da Illi e pubblicizzati in accordo con Blancho tramite social media e anche in occasione di una manifestazione pubblica a Winterthur nel dicembre 2015.

Nei video è contenuta in particolare una intervista ad Abdallah al-Muhaysini, un saudita che la Procura federale ritiene fosse un alto rappresentante di al-Qaida in Siria, e rappresentante dell'organizzazione "jihadista" Jaysh al-Fath.

Secondo l'accusa le immagini con al-Muhaysini non sono "un'intervista giornalistica in esclusiva" condotta secondo le regole della professione, quanto piuttosto una piattaforma di propaganda islamista per lo stesso al-Muhaysini. Quest'ultimo parla per oltre 35 minuti mentre il contributo totale dell'intervistatore Cherni non supera i due minuti.

I tre imputati negano recisamente, così come l'interessato stesso. In una conferenza stampa organizzata lunedì a Berna, il CCIS, gruppo islamista piccolo ma molto attivo, ha sostenuto che al-Muhaysini non è mai stato membro di al-Qaida o della sua succursale siriana an-Nusra ma un "costruttore di ponti" tra i vari gruppi ribelli siriani e un attivo oppositore dello Stato islamico (Isis). Il CCIS ha pure anticipato che davanti al TPF i tre imputati rimarranno in silenzio e non risponderanno alle domande.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca