Pro clima

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Quasi 200 manifestanti hanno bloccato uno dei ponti centrali di Losanna - Lanciata una settimana di disobbedienza civile

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente
(foto Keystone)

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

(foto Keystone)

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

 Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

Protesta di disturbo contro la distruzione dell’ambiente

LOSANNA - Quasi 200 persone hanno bloccato stamane per un’ora uno dei ponti centrali di Losanna in segno di protesta contro la distruzione dell’ambiente. La polizia non è intervenuta e ha lasciato fare gli attivisti. La manifestazione è poi terminata intorno alle 9.00.

All’origine dell’azione, svoltasi sul ponte Chauderon, vi è il movimento internazionale contro i cambiamenti climatici Extinction Rebellion, fondato l’anno scorso nel Regno Unito. Iniziative simili sono in programma oggi in numerose città europee.

«Volevamo un’azione festosa e non violenta, ma allo stesso tempo di disturbo», ha detto uno dei dimostranti alla Keystone-ATS. Il tutto è stato accompagnato da una colazione e da musica.

«Gli scienziati danno l’allarme da 30 anni. Dobbiamo spegnere il fuoco che ha incendiato la Terra, la nostra casa», hanno gridato i presenti nei microfoni. Il movimento chiede al governo svizzero di dichiarare lo stato d’emergenza per il clima e la biodiversità e domanda inoltre che le emissioni di gas serra siano ridotte a zero entro il 2025.

Extinction Rebellion ha lanciato una settimana di disobbedienza civile. Nei prossimi giorni a Losanna avranno luogo altre proteste, seguite da un’azione prevista per sabato a Lucerna.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1