permessi

Regolarizzazione record di stranieri senza diritto di soggiorno

Documenti concessi nell’ambito di 840 casi di rigore - Il dato supera del 20% quello dell’anno precedente

Regolarizzazione record di stranieri senza diritto di soggiorno
Archivio CdT

Regolarizzazione record di stranieri senza diritto di soggiorno

Archivio CdT

BERNA - Le autorità elvetiche hanno regolarizzato nel 2018 un numero record di stranieri senza un permesso di soggiorno valido. Documenti sono stati concessi nell'ambito di 840 casi di rigore, un dato in aumento del 20% rispetto all'anno precedente.

In Svizzera, secondo una stima risalente al 2015, si contano tra i 50'000 e i 100'000 stranieri senza un'autorizzazione di soggiorno. Si tratta di richiedenti asilo la cui domanda è stata respinta, di stranieri che non hanno mai avuto documenti o il cui permesso è scaduto.

Circa il 90%, proveniente innanzitutto dall'America latina, lavora nella costruzione, nel settore alberghiero e nella ristorazione o nell'economia domestica, stando a uno studio della Segreteria di Stato della migrazione (SEM). In crescita graduale dal 2015, il numero di regolarizzazioni non è mai stato così elevato come l'anno scorso.

Circa 840 persone che rappresentano i cosiddetti "casi di rigore" hanno ricevuto l'autorizzazione di vivere e lavorare in Svizzera, ha indicato oggi all'agenzia Keystone-ATS Lukas Rieder, portavoce della SEM, confermando un'informazione della NZZ am Sonntag. Fra questi 716 sono stranieri senza un permesso di soggiorno valido e 124 richiedenti cui è stato negato l'asilo.

I cantoni di Ginevra e di Vaud sono "campioni della regolarizzazione". Il primo, grazie al suo progetto pilota Papyrus, lanciato nel 2017 dal consigliere di Stato Pierre Maudet, si era proposto di normalizzare circa 2000 persone entro la fine del 2018.

Per beneficiare di una regolarizzazione nell'ambito di Papyrus, i richiedenti asilo devono soddisfare criteri ben precisi. Una famiglia con bambini deve provare un soggiorno di almeno 5 anni a Ginevra, senza interruzione. Per le persone senza bambini, questa durata passa a 10 anni. I richiedenti devono anche essere indipendenti dal punto di vista finanziario.

Tra le persone regolarizzate a Ginevra, cantone in cui vivono circa 13'000 clandestini stando alle stime della SEM, la maggioranza sono famiglie. Su un migliaio di persone regolarizzate nel febbraio 2018, si contavano 400 bambini e una maggioranza di donne, stando a un'indagine dell'Università di Ginevra.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Cronaca
  • 1