Confederazione

Solo un quarto degli svizzeri fa testamento

Nel nostro Paese, secondo stime, vengono ereditati annualmente circa 70 miliardi di franchi

 Solo un quarto degli svizzeri fa testamento
Foto Fiorenzo Maffi

Solo un quarto degli svizzeri fa testamento

Foto Fiorenzo Maffi

Domani - venerdì - è la giornata internazionale del testamento e l’associazione MyHappyEnd - che non è a scopo di lucro e offre consigli sulla materia - ne approfitta per sottolineare che solo un quarto degli svizzeri si occupa della propria eredità. In Svizzera, secondo stime, vengono ereditati annualmente circa 70 miliardi di franchi, si legge in un comunicato odierno dell’organizzazione. Questo notevole importo - secondo un sondaggio rappresentativo effettuato da Demoscope - porta sovente a litigi.

Dalla ricerca emerge che il 51% degli intervistati conosce persone che hanno avuto liti legate all’eredità, mentre il 28% ha avuto problemi all’interno della propria famiglia.

Queste difficoltà possono essere evitate facendo testamento, sottolinea MyHappyEnd. Il 77% degli intervistati lo valuta un documento «molto importante» o «abbastanza importante» e il 51% afferma che probabilmente se ne occuperà. La realtà dei fatti parla però di una quota di persone che regola i propri lasciti del 27%.

Fra coloro che l’hanno fatto, quasi nessuno se ne pente: l’81% lo trova un passaggio «liberatorio», mentre il 21% ha comunque parlato di una procedura «complicata». Il motivo principale che spinge le persone a fare testamento è la sicurezza di partner, figli o altri parenti (61%), ma anche la prevenzione di liti è un tema sentito (33%).

Il sondaggio è stato effettuato fra il 24 giugno e il 7 luglio, coinvolgendo 1067 persone di oltre 45 anni di età provenienti dalla Svizzera tedesca e dalla Romandia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Articoli suggeriti
Ultime notizie: Cronaca
  • 1