Sparatoria a Payerne: due morti

Due persone sono state uccise a colpi d'arma da fuoco ieri nella località del canton Vaud - Il presunto autore si è consegnato alla polizia

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

Sparatoria a Payerne: due morti

PAYERNE (VD) - Due persone - un giovane e una donna - sono state uccise a colpi d'arma da fuoco ieri sera in una palazzina a Payerne (canton Vaud). Il presunto colpevole, un portoghese di 49 anni domiciliato nella regione, si è consegnato alla polizia. Stando ai primi elementi di inchiesta si tratterebbe di una dramma familiare. La polizia è intervenuta ieri sera in un edificio vicino alla stazione verso le 18.30 dove erano stati segnalati numerosi spari. Sulle scale dell'immobile sono stati scoperti i corpi senza vita di un uomo e una donna e numerosi bossoli.

"Dobbiamo ancora attendere l'identificazione formale, ma supponiamo che le tre persone facessero parte della stessa famiglia", ha spiegato all'ats Arnold Poot, portavoce della polizia cantonale vodese. Una delle vittime viveva sul posto.

Ieri sera la casa era stata evacuata, gli inquilini sono stati ospitati in un edifico pubblico e la strada che porta alla stazione è stata chiusa al traffico.

I protagonisti della sparatoria erano nuovi venuti nello stabile ma si sarebbero già fatti notare a più riprese per grida e litigi, secondo le dichiarazioni dei vicini riportate dal sito online di "20 Minutes".

Stando alla polizia la ricerca del presunto sparatore ha richiesto del tempo: ma nella seconda parte della notte gli agenti specialisti in negoziazione sono riusciti ad accordarsi con il portoghese, al telefono cellulare, sul modo di consegnarsi alle forze dell'ordine. L'uomo si è presentato alla gendarmeria di Payerne - stando a notizie di stampa alle 03.00 del mattino - e non ha opposto resistenza.

Il 49.enne era proprietario di armi da fuoco e dispone di un regolare porto d'armi. Spetterà alle analisi balistiche stabilire se i colpi sono stati esplosi con una delle armi in questione, ha indicato Poot.

Il dramma ha comportato un importante spiegamento di forze di polizia.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1