Spese pazze, arrivano le scuse del comandante dell'esercito

In un'intervista a "Samstagsrundschau" il numero uno delle forze armate Philippe Rebord ha fatto autocritica, parlando di "errori morali"

Spese pazze, arrivano le scuse del comandante dell'esercito

Spese pazze, arrivano le scuse del comandante dell'esercito

BERNA - Il capo dell'Esercito svizzero Philippe Rebord si è scusato per le spese eccessive sostenute dai vertici militari. In un'intervista rilasciata oggi alla trasmissione "Samstagsrundschau" della radio svizzerotedesca SRF ha ammesso "errori morali".

Questa "cultura" esiste da anni nell'esercito, ma non ci si è interrogati a sufficienza sul suo impatto all'esterno, ha aggiunto Rebord. "Dal punto di vista penale e disciplinare non ci si può rimproverare nulla, ma da quello morale sì", ha dichiarato il capo dell'Esercito. Tra i quadri militari predominano ancora tradizioni e costumi che non sono più in linea con i tempi. "Con gli occhi di oggi occorre fare autocritica e ammettere che presso i vertici dell'esercito sono stati fatti errori morali", ha aggiunto Rebord, precisando che anche lui stesso non ha sempre dato prova della sufficiente distanza critica: "vorrei scusarmi con tutte le persone in Svizzera, che a giusta ragione si aspettano che si faccia buon uso dei soldi dei contribuenti".

A suo avviso, ora è necessario un cambiamento di mentalità. Il capo del Dipartimento federale della difesa (DDPS) Guy Parmelin ha già ordinato tale cambiamento. Rebord ha dichiarato che farà tutto il possibile affinché il nuovo regolamento delle spese tenga conto di questa evoluzione.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1