Super-droni per cercare i dispersi in montagna

Li hanno messi a punto ricercatori ticinesi (USI e SUPSI) e zurighesi - Riescono a seguire persino sentieri nelle foreste

Super-droni per cercare i dispersi in montagna

Super-droni per cercare i dispersi in montagna

ZURIGO/LUGANO/MANNO - Ricercatori ticinesi, dell'USI e della SUPSI, e zurighesi hanno messo a punto un programma di intelligenza artificiale che permette a droni volanti di riconoscere e seguire sentieri in ambienti complessi come le foreste. Una prestazione in cui persino l'uomo compie errori.

Il risultato, mai ottenuto prima nel campo della robotica, è stato pubblicato ieri su una rivista specializzata e offre grandi potenzialità nella ricerca di persone disperse in montagna.

"Interpretare un'immagine ripresa in ambiente complesso come una foresta è incredibilmente difficile per un computer. A volte anche il cervello umano ha difficoltà a riconoscere un sentiero!", dice Alessandro Giusti dell'Istituto Dalle Molle di studi sull'intelligenza artificiale, affiliato alla SUPSI, in un comunicato dell'università di Zurigo.

Il gruppo di ricercatori ha dotato i droni di una cosiddetta "Rete neurale profonda", ovvero un algoritmo informatico che impara autonomamente a risolvere problemi complessi utilizzando una serie di esempi di addestramento, secondo un meccanismo analogo a quello con cui il cervello umano impara dall'esperienza.

Per raccogliere dati sufficienti ad "addestrare" i loro algoritmi, i ricercatori hanno camminato per ore lungo diversi percorsi escursionistici nelle Alpi svizzere e hanno acquisito più di 20.000 immagini di sentieri usando telecamere montate su un casco.

Lo sforzo ha dato i suoi frutti: quando i ricercatori hanno messo alla prova i loro algoritmi su immagini riprese da sentieri mai visti in precedenza, la rete neurale è stata in grado di trovare la direzione corretta nell'85% dei casi. Nulla da invidiare agli umani a cui è stato sottoposto lo stesso problema, che hanno scelto la risposta corretta solo l'82% delle volte, si legge nella nota dell'ateneo zurighese.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1
    In futuro

    «La Svizzera ha bisogno di un’unità di crisi»

    Secondo Marcel Salathé e Christian Althaus, ex membri della task force COVID, la Confederazione deve prepararsi ad affrontare future ondate pandemiche: «Quello che manca è una gestione attiva della crisi, con il problema che risiede soprattutto nella velocità delle decisioni»

  • 2
    svizzera

    Prezzi dei trasporti pubblici? Nella media europea

    Lo mette in luce uno studio, che ha confrontato i prezzi elvetici con quelli di Italia, Francia, Germania, Austria, Gran Bretagna e Olanda, secondo cui con l’abbonamento generale si accede a un’offerta all’intero sistema molto vantaggiosa, unica nel paragone con altri Paesi

  • 3
  • 4
    berna

    Oggi torna a riunirsi il Consiglio federale

    Dopo aver posto in consultazione la proroga fino a fine marzo delle restrizioni attualmente in vigore, questo pomeriggio l’Esecutivo dovrà prendere una decisione in merito – Cantoni favorevoli, ma solo fino a fine febbraio

  • 5
  • 1