Tamedia interrompe la collaborazione con Publicitas

Motivo addotto dal gruppo mediatico: il crescente ritardo nei pagamenti: "Non abbiamo altra scelta" - La risposta della controparte, che parla di "brusco contraccolpo"

Tamedia interrompe la collaborazione con Publicitas

Tamedia interrompe la collaborazione con Publicitas

ZURIGO - Colpo di scena nel settore della pubblicità sulla carta stampata: il gruppo Tamedia ha deciso di interrompere da subito ogni forma di collaborazione con Publicitas. Motivo addotto dal gruppo mediatico: il crescente ritardo nei pagamenti da parte di Publicitas. "La lunga serie di scadenze non rispettate e di promesse di pagamento non mantenute accumulatesi negli ultimi mesi non ci lasciano nessun'altra scelta", dichiara, citato in una nota, il responsabile della pubblicità di Tamedia, Marcel Kohler. Tamedia si dice interessata a trovare soluzioni, in collaborazione con gli altri principali editori, per sostenere in modo ottimale i potenziali inserzionisti. Publicitas è confrontata con un impressionante calo della pubblicità che interessa l'intero settore della carta stampata. La società di commercializzazione pubblicitaria con sede a Zurigo ha ripetutamente chiuso i bilanci nelle cifre rosse.

Ecco la risposta di Publicitas alla presa di posizione di Tamedia

"Abbiamo lavorato per diverse settimane ad un piano di ristrutturazione per la stabilizzazione a medio termine di Publicitas AG. Solo in questo modo potremo continuare a fornire i servizi ai nostri clienti, agenzie ed editori nella qualità richiesta. Una parte essenziale del concetto era l'impegno dei grandi editori a continuare la cooperazione a nuove condizioni sostenibili. Tamedia ha deciso con grande dispiacere di non proseguire ulteriormente la collaborazione con Publicitas AG sciogliendo il contratto con effetto immediato. Le altre grandi case editrici hanno segnalato verbalmente l'interesse alla soluzione proposta.

La richiesta di Tamedia di effettuare i pagamenti per la pubblicità disposta da Publicitas solo tramite Tamedia non è considerata ragionevole, per questo chiediamo che i pagamenti dei clienti vengano effettuati a Publicitas come abitualmente. Publicitas provvederà a mantenere una contabilità separata per Tamedia e trasferirà il dovuto su di un conto dedicato come concordato. Solo in questo modo è possibile mantenere la visione d'insieme evitando che gli importi dovuti ad altri editori vengano pagati a Tamedia. Questo è una brusco contraccolpo. Questa decisione di Tamedia è stata una sorpresa per noi. Stiamo analizzando la situazione e in questo momento non possiamo fornire ulteriori informazioni".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1