Un tuffo nella lingua italiana per cento apprendisti confederati

Immersione linguistica

Il Delegato federale per il multilinguismo ha avviato il progetto pilota con l’obiettivo di «sottolineare l’importanza dell’italiano e della Svizzera italiana all’interno dell’Amministrazione federale»

Un tuffo nella lingua italiana per cento apprendisti confederati
©CdT/Archivio

Un tuffo nella lingua italiana per cento apprendisti confederati

©CdT/Archivio

Per sensibilizzare gli apprendisti della Confederazione alla lingua e alla cultura italiana, il Delegato federale per il multilinguismo ha avviato un progetto pilota: 100 giovani parteciperanno a questo programma dal 23 al 27 settembre a Bellinzona.

L’obiettivo è di «sottolineare l’importanza dell’italiano e della Svizzera italiana all’interno dell’Amministrazione federale», afferma un comunicato del Delegato federale per il multilinguismo. Questo primo esperimento, basato su un partenariato tra la Confederazione e il Cantone Ticino, coinvolgerà apprendisti del Dipartimento federale di giustizia e polizia.

I giovani avranno l’opportunità di scoprire i numerosi servizi della Confederazione in Ticino. Visiteranno il Tribunale penale federale e i servizi di traduzione della Cancelleria federale a Bellinzona, MeteoSuisse a Locarno, il Centro svizzero di calcolo scientifico di Lugano e il Centro logistico dell’esercito Monteceneri.

L’immersione linguistica è organizzata assieme a istruttori e insegnanti ticinesi. «L’esperienza sarà valutata e, se necessario, aiuterà a perfezionare e consolidare aspetti del contenuto e dell’organizzazione delle esperienze future», spiega il Delegato federale. In totale gli apprendisti che lavorano presso la Confederazione sono circa 1200.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Cronaca
  • 1
  • 1