Verso il divieto di fumare in stazione

La misura entrerà in vigore nel giugno del 2019, ha comunicato stamane l'Unione dei trasporti pubblici: "Migliora la pulizia e permette di ridurre i costi per la manutenzione" - IL SONDAGGIO

Verso il divieto di fumare in stazione
Immagine tematica d'archivio

Verso il divieto di fumare in stazione

Immagine tematica d'archivio

BERNA - Nelle stazioni ferroviarie svizzere a partire dal primo giugno 2019 entrerà in vigore quasi ovunque il divieto di fumo. Lungo i binari ci saranno apposite zone delimitate per i fumatori, ha deciso l'Unione dei trasporti pubblici (UTP) dopo aver effettuato una fase di test.

Quest'anno le FFS in collaborazione con l'UTP, le Ferrovie retiche (RhB) e l'Ufficio federale dei trasporti (UFT) hanno sperimentato due diverse applicazioni del divieto di fumo in sei stazioni, fra le quali Bellinzona. Il 75% delle persone intervistate si è espresso in favore delle modifiche all'attuale sistema liberale, si legge in un comunicato.

La percentuale di favorevoli ad una maggiore regolamentazione è stata sorprendente, ha dichiarato all'agenzia Keystone-ATS il direttore dell'UTP Ueli Stückelberger. Per i tabagisti, a dipendenza della lunghezza e dell'ampiezza della banchina ferroviaria, verranno messe a disposizione fino a due aree dedicate al fumo.

Lo scopo, spiega l'UTP, è quello di migliorare la qualità dell'aria e diminuire la sporcizia per una più piacevole esperienza sulle banchine. Oltre a questo, caleranno anche i costi delle pulizie. Si tratta di una soluzione che tiene in considerazione i bisogni di tutti i clienti.

Nei prossimi mesi verranno resi noti maggiori dettagli sull'applicazione delle novità. In particolare, verrà spiegata la maniera in cui le zone per fumatori saranno segnalate e delimitate, ha precisato Stückelberger. Si tratta di trovare soluzioni semplici, che possano essere facilmente applicabili anche dalle imprese di trasporti più piccole.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1