Viavai di 30.enni, cercasi soluzione

ZURIGO - In nessun'altra città europea ci sono così tante persone fra gli «enta» e gli «anta» – La metà è straniera e «nomade» - Il Comune sta studiando come integrare meglio questo gruppo demografico

Viavai di 30.enni, cercasi soluzione
Giornata di festa al Landesmuseum di Zurigo.

Viavai di 30.enni, cercasi soluzione

Giornata di festa al Landesmuseum di Zurigo.

ZURIGO - Pierre Copsey, esperto di video e motion design, viene da Parigi. Da quasi sei anni vive a Zurigo, dove lavora come impiegato e freelance in campo pubblicitario. Da poco è entrato a far parte di un gruppo demografico particolarmente interessante per la Città di Zurigo: quello di chi si trova fra i 30 e i 40 anni d'età. Oggi ogni quinto abitante della «piccola metropoli» elvetica si trova in questa fascia d'età, la più grande registrata sulle rive della Limmat. Le statistiche parlano di 90.000 persone, ossia il 21% della popolazione. Secondo l'ufficio Sviluppo urbano del Comune di Zurigo non esiste altra città a livello europeo con così tanti residenti fra i 30 e i 40 anni. Anche a New York risultano meno. Ciò che interessa Zurigo è il fatto che la maggior parte di queste persone dispone di un diploma universitario, non ha figli, lavora a tempo pieno, ha uno stipendio alto (50 franchi e oltre all'ora) e risulta «geograficamente mobile». Circa la metà non possiede infatti il passaporto svizzero: solo il 5,5% è nato a Zurigo; il 37% viene dall'estero; il 58% da altre regioni svizzere. «Questo specifico gruppo demografico è molto importante per l'economia locale», spiega Anna Schindler, direttrice dell'ufficio Sviluppo urbano. Il problema è che i suoi membri lasciano Zurigo con la stessa velocità con cui vi si trasferiscono.

 

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Cronaca
  • 1