Cure infermieristiche, le divergenze restano

Sanità

Il controprogetto continua a dividere - La commissione sanitaria degli Stati insiste sulla facoltatività dei contributi di formazione per i Cantoni e sulle condizioni per fatturare le prestazioni - I promotori dell’iniziativa popolare fanno pressione: se le cose non cambiano non la ritireranno e si andrà a votare

 Cure infermieristiche, le divergenze restano
©CdT/Archivio

Cure infermieristiche, le divergenze restano

©CdT/Archivio

Si irrigidiscono i fronti sul potenziamento della formazione delle cure infermieristiche. Il pomo della discordia sono sempreil sostegno finanziario dei Cantoni agli studenti e la possibilità per la categoria di fatturare direttamente le prestazioni alle casse malati. La Commissione sanitaria degli Stati conferma le divergenze sul controprogetto all’iniziativa popolare lanciata dall’Associazione svizzera infermiere e infermieri (ASI), che chiede la formazione di un numero adeguato di diplomati.

Il controprogetto indiretto prevede di lanciare una campagna di formazione allo scopo di assicurare nuove leve in un settore dove oggi viene formato solo il 43% del personale necessario. Inoltre, attribuisce al personale infermieristico maggiori competenze, così da accrescere l’attrattiva della professione....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1