Domanda di omologazione per un nuovo vaccino

Pandemia

CureVac Swiss AG chiede a Swissmedic l’approvazione per il suo potenziale siero CVnCoV

Domanda di omologazione per un nuovo vaccino
©Shutterstock

Domanda di omologazione per un nuovo vaccino

©Shutterstock

L’azienda biofarmaceutica CureVac Swiss ha presentato all’Istituto per gli agenti terapeutici Swissmedic una domanda di omologazione per il suo candidato vaccino CVnCoV. È la quinta procedura di autorizzazione alla commercializzazione in Svizzera per un vaccino contro il virus Sars-CoV-2.

Lo riferisce una nota odierna di Swissmedic, in cui si precisa che la Confederazione ha già ordinato cinque milioni di dosi di vaccino da CureVac. Finora in Svizzera sono stati approvati i vaccini di Pfizer/Biontech, Moderna e Johnson & Johnson. Una domanda di omologazione di AstraZeneca è attualmente in fase di esame.

Secondo il sito dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), la Svizzera ha ordinato finora 13,5 milioni di dosi da Moderna, 6 milioni da Pfizer/BioNTech, 6 milioni da Novavax, 5,3 milioni da AstraZeneca e 5 milioni da Curevac.

L’omologazione avviene tramite la cosiddetta procedura di rolling submission, che consente di valutare i dati scientifici non appena questi sono disponibili e vengono presentati dalle aziende, e quindi in tempi molto rapidi. Ma - sottolinea Swissmedic - la durata della procedura dipende dalla completezza dei dati forniti e dai risultati delle sperimentazioni cliniche, pertanto non è possibile fare previsioni al riguardo.

Come i prodotti di Biontech/Pfizer e Moderna, Curevac sta usando la nuova tecnologia mRNA (»m» sta per messaggero e «RNA» per acido ribonucleico). Prima del Covid-19 nessun vaccino di questo tipo era mai stato approvato per l’uso negli esseri umani. Esso contiene le istruzioni di costruzione di un componente dell’agente patogeno. Su questa base, le cellule del corpo umano producono la proteina virale, contro la quale si sviluppa poi la risposta immunitaria.

CureVac N.V. è un’azienda di biofarmaceutica, con sede legale Paesi Bassi ma con centrale a Tubinga, in Germania. Un suo comunicato precisa che per l’attuale fase finale di sviluppo clinico, iniziata lo scorso dicembre, sono stati reclutati circa 40’000 partecipanti in America Latina e in Europa. La fase III di sperimentazione sull’uomo conta 36’500 partecipanti solo in Germania. CureVac ha anche presentato una domanda di commercializzazione all’Agenzia europea dei medicinali (EMA), che dovrebbe rispondere nel secondo trimestre di quest’anno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1