Due femminicidi in Svizzera

Violenza

Due donne sono state uccise a Buchs (SG) e Wilchingen (SH)

 Due femminicidi in Svizzera
©CdT/Archivio

Due femminicidi in Svizzera

©CdT/Archivio

Ancora due femminicidi in Svizzera. Una donna di 22 anni è morta ieri sera a Buchs (SG) dopo un violento litigio con il compagno 24enne. A Wilchingen (SH) un’altra donna è stata uccisa da un parente che si è poi tolto la vita.

A Buchs (SG) i soccorritori sono stati allarmati poco dopo le 21.30 e, arrivati in un appartamento, hanno trovato la donna di 22 anni gravemente ferita. La donna - cittadina svizzera domiciliata nei Grigioni - è deceduta sul posto nonostante i tentativi di rianimarla.

La polizia sangallese ha reso noto di avere arrestato l’inquilino dell’appartamento, un 24enne somalo fortemente sospettato di avere ucciso la sua compagna. Sul posto sono stati fermati, ma in seguito rilasciati, anche altri due giovani di origini somale.

A Wilchingen (SH) un’altra donna è stata uccisa a coltellate verso le 22.00 in una casa unifamiliare. In questo caso - ha precisato la polizia nel pomeriggio- la vittima è una donna di 80 anni.

Il presunto autore è il nipote di 22 anni che dopo il delitto ha passato la frontiera e si è tolto la vita a Lottstetten, in Germania, a circa 10 chilometri di distanza.

Secondo la polizia sciaffusana, il giovane si trovava in una clinica psichiatrica in seguito a una misura di ricovero a scopo di assistenza ed era stato condannato nel 2017 per un delitto contro la legge sulla circolazione stradale.

Polizia e Ministero pubblico hanno avviato indagini per chiarire le circostanze e il movente del delitto.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1