«Durante la crisi la Svizzera si è dimostrata coesa»

Primo agosto

La consigliera federale Karin Keller-Sutter loda la concordanza e la capacità di compromesso della Confederazione nella gestione dell’emergenza coronavirus

«Durante la crisi la Svizzera si è dimostrata coesa»
©KEYSTONE/Alexandra Wey

«Durante la crisi la Svizzera si è dimostrata coesa»

©KEYSTONE/Alexandra Wey

«Durante la crisi la Svizzera si è dimostrata coesa»

«Durante la crisi la Svizzera si è dimostrata coesa»

La consigliera federale Karin Keller-Sutter ha lodato oggi a Sciaffusa - nel suo discorso per la Festa nazionale - la concordanza e la capacità di compromesso della Svizzera nella gestione delle crisi, come quella del coronavirus.

«I nostri genitori e i nostri nonni hanno creato uno Stato sufficientemente sano e forte per proteggere le vite minacciate in una crisi come quella che stiamo vivendo, permettendoci anche di sostenere chi ha bisogno», ha sottolineato la «ministra» della giustizia.

«La coesione che caratterizza la Svizzera è stata chiaramente dimostrata in questi ultimi mesi, quando la popolazione di cantoni come Sciaffusa si è mostrata solidale accettando le misure prese per proteggere tutta la popolazione, anche quando erano in particolare Ticino e Romandia ad essere toccati dall’epidemia», ha aggiunto Keller-Sutter.

«Istituzioni forti e una base economica solida sono essenziali, così come la solidarietà e la volontà di formare una Nazione. Non sono gli estremi che hanno permesso al Paese di superare le differenti crisi succedutesi dal 1291 ad oggi». Secondo Keller-Sutter, la Svizzera è un esempio positivo poiché le forze politiche e sociali si capiscono e si uniscono.

La consigliera federale ha approfittato dell’occasione per invitare al «senso della misura» anche in occasione delle votazioni del 27 settembre, quando i cittadini si esprimeranno su cinque temi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Popolazione sempre meno attenta a igiene e distanze

    Fonti di contagio

    A dirlo è l’Ufficio del medico cantonale dopo l’errore dell’UFSP: «All’inizio i contatti da raggiungere per ogni caso erano un paio; oggi sono fra 5 e 10 le persone a finire in quarantena» - Approfondiamo il tema dei luoghi e degli ambiti in cui avvengono con maggiore frequenza le infezioni

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

    Nuove accuse contro Yannick Buttet, il PPD reagisce

    molestie

    Dopo la denuncia di una politica liberale radicale di Monthey per «gesti inappropriati» e «commenti sessisti» da parte del sindaco di Collombey-Muraz, il partito vallesano controbatte condannando «qualsiasi forma di molestia e qualsiasi comportamento penalmente riprovevole»

  • 1
  • 1