«È solo una questione di tempo: saremo toccati anche noi»

Pandemia

Samia Hurst-Majno, vicepresidente della task force COVID-19, fa il punto sul dibattito in corso a livello federale sul passaporto vaccinale

 «È solo una questione di tempo: saremo toccati anche noi»

«È solo una questione di tempo: saremo toccati anche noi»

Mentre a Bruxelles si discute del passaporto vaccinale europeo per rilanciare le sorti del turismo nell’area Schengen, abbiamo contattato la vicepresidente della task force COVID 19 Samia Hurst-Majno per capire in che modo questa misura sanitaria potrebbe ripercuotersi sulla vita dei cittadini svizzeri. Intanto le riflessioni degli esperti proseguono anche nel nostro Paese. Ma quali sono i punti fermi di questa spinosa discussione?

Professoressa Hurst, il passaporto vaccinale verrà implementato anche in Svizzera?

«È molto probabile che diversi Paesi stranieri in futuro richiederanno una prova di vaccinazione anti-COVID per entrare sul loro territorio. È solo una questione di tempo. Del resto, già oggi, per altre forme virali la regolamentazione internazionale dell’OMS autorizza i Paesi a richiedere...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1