«È stata dura togliere 5 mila soldati alle famiglie in 48 ore»

pandemia

La decisione di mobilitare l’esercito per fronteggiare l’epidemia di coronavirus non è stata presa a cuor leggero, ha spiegato la consigliera federale Viola Amherd in un’intervista

«È stata dura togliere 5 mila soldati alle famiglie in 48 ore»
© KEYSTONE/Ti-Press/Alessandro Crinari

«È stata dura togliere 5 mila soldati alle famiglie in 48 ore»

© KEYSTONE/Ti-Press/Alessandro Crinari

La decisione di mobilitare l’esercito per fronteggiare l’epidemia di Covid-19 non è stata presa a cuor leggero, anzi. Lo rivela in un’intervista al quotidiano «Le Nouvelliste» la consigliera federale Viola Amherd, sottolineando che a 5 mila soldati è stato chiesto di lasciare famiglia e lavoro con scarso preavviso.

«È stata una scelta difficile», confida la ministra della difesa sull’edizione odierna del giornale vallesano. «Alcuni hanno avuto solo 48 ore di tempo. Ero cosciente di tutte le conseguenze sociali, sanitarie ed economiche di questa decisione».

Ma il governo ha dovuto pronunciarsi in qualche giorno, in un contesto che si «aggravava molto rapidamente». «La domanda è arrivata dal Dipartimento federale dell’interno e noi abbiamo risposto», prosegue Amherd.

Stando alla consigliera federale, il numero di truppe mobilitato è stato determinato in funzione dello scenario peggiore. «Arrivavano notizie catastrofiche dall’Italia e drammatiche dal Ticino. Fortunatamente gli ospedali sono riusciti velocemente ad aumentare la capacità d’accoglienza».

In un’operazione inedita dai tempi della Seconda guerra mondiale, l’esercito è stato chiamato il 6 marzo per appoggiare la lotta contro il coronavirus in settori come la sanità e la sicurezza. Alcuni militi sono già stati ritirati, ma il coinvolgimento delle forze armate «dovrebbe continuare verosimilmente fino a fine giugno», dichiara Amherd.

In generale, la ministra definisce «molto particolare» l’ambiente in seno al governo durante l’attuale crisi, caratterizzata da «sedute molto intense» a causa della pressione e delle attese. Secondo Amherd si è però sviluppata «un’eccellente cultura del dialogo, fatto di cui mi rallegro».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1