«Ecco cosa vuol dire essere mamma in una famiglia arcobaleno»

Diritti

La testimonianza di Sara, che con la compagna Tania spera si giunga presto al matrimonio per tutti - Il dibattito in Parlamento è solo iniziato

«Ecco cosa vuol dire essere mamma in una famiglia arcobaleno»
Sara (a destra) e Tania sono diventate le mamme grazie all’accesso alla fecondazione artificiale in Danimarca.

«Ecco cosa vuol dire essere mamma in una famiglia arcobaleno»

Sara (a destra) e Tania sono diventate le mamme grazie all’accesso alla fecondazione artificiale in Danimarca.

«È ora che le discriminazioni finiscano. Siamo tutti uguali davanti alla legge». Sara Bonora, 39.enne di Minusio, è una delle madri di famiglia che osserva con attenzione quanto sta succedendo al Consiglio nazionale. La Camera mercoledì ha iniziato a dibattere sul matrimonio civile per tutti, indipendentemente dal sesso e dell’orientamento sessuale dei membri della coppia che intende convolare a nozze. Interrotto per la pausa di mezzogiorno dalla presidente della Camera, non è chiaro quando il discorso verrà ripreso. «Oramai siamo abituate ad avere pazienza». Sara Bonora la prende con ironia. Ma sottolinea: «I nostri figli crescono sereni. Sono ben integrati nella società. Non ci sono più motivi per non dare uguali diritti a tutte le coppie.

Il disegno di legge prevede che le disposizioni che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1