«Ecco il mio coming out»

La storia

Marco Schättin ha lanciato un podcast a puntate per descrivere l’universo LGBT+ in Svizzera: «Mi sono detto che ne sarebbe valsa la pena, percorsi come il mio vanno raccontati perché parlano di grandi cambiamenti»

«Ecco il mio coming out»
© Shutterstock

«Ecco il mio coming out»

© Shutterstock

La data, segnata con un circolino rosso sul calendario, è quella del 26 settembre. Matrimonio per tutti, già. La storia di Marco Schättin, però, comincia molto prima. E trascende gli aspetti puramente politici legati all’universo LGBT+ nel nostro Paese. È un racconto a episodi, puntate di un mosaico arcobaleno, un podcast scandito dalle emozioni, dalle paure, dalle ansie. Una raccolta, se vogliamo. Di cosiddetti «coming out». «È un’idea che avevo in testa da tanti anni» afferma il diretto interessato. Da quando, più o meno, lui stesso è uscito allo scoperto. Trovando il coraggio, attraverso una lettera, di dire: «Mamma, papà, sono gay».

Ogni storia è unica, prosegue Marco. Di più, non sempre è facile parlare della propria sessualità. Della propria identità. Dovrebbe esserlo, nella Svizzera del...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1