logo

Costi verso l'alto, ma il sistema sanitario piace

Gli elettori svizzeri sono soddisfatti della qualità, considerata più importante dei prezzi - Secondo Comparis, i premi dell'assicurazione di base aumenteranno del 4% nel 2019

Reguzzi
 
19
giugno
2018
08:26
ats

BERNA - Gli elettori svizzeri sono soddisfatti del sistema sanitario svizzero e ritengono che la qualità e la quantità delle prestazioni in questo ambito siano più importanti del loro prezzo. Tuttavia, sono pochi coloro che desiderano provare nuovi esperimenti in questo settore. È quanto emerge dal monitoraggio 2018 della salute, un sondaggio realizzato annualmente dall'istituto gfs.bern per conto dell'Associazione delle imprese farmaceutiche svizzere Interpharma.

Nove intervistati su dieci pensano che l'introduzione di un budget globale allungherebbe i tempi d'attesa, limitando la libera scelta di medici e ospedali. Interpharma, in una nota odierna, aggiunge inoltre che il 54% delle 1200 persone in tutta Svizzera che hanno partecipato al sondaggio - realizzato nello scorso mese di marzo - ritiene che tali restrizioni non portino a un abbassamento dei premi di cassa malattia.

Il 74% è inoltre convinto che i pazienti non riceverebbero più tutti i farmaci necessari e oltre tre persone su quattro sottolineano che l'introduzione di questa nuova forma di finanziamento causi un calo nella qualità dell'assistenza sanitaria. L'introduzione di budget globali - oltre ad altre misure - è stata proposto da un gruppo di esperti istituito dal Dipartimento federale dell'interno (DFI) e discussa dal Consiglio federale lo scorso ottobre.

Lo stanziamento globale di bilancio per frenare le spese sanitarie ha subito ricevuto opposizione da parte di diverse organizzazioni attive nell'ambito sanitario. A fine ottobre Interpharma, associazioni di medici (FMH), ospedali (H+), farmacisti (PharmaSuisse), pazienti (Organizzazione svizzera dei pazienti, OSP) e l'associazione di casse malattia Santésuisse avevano criticato diversi aspetti della nuova proposta: medicina a due velocità, maggiori tempi di attesa, razionamento occulto delle prestazioni e costi più elevati a scapito della qualità.

I partecipanti al sondaggio hanno ampiamente respinto la maggior parte degli esperimenti legati a premi e franchigie: circa una persona su tre (34%) acconsentirebbe a promuovere premi di cassa malattia a seconda del reddito. Solo il 16% considera i premi troppo elevati per la propria famiglia.

Previsto un aumento dei costi

I premi dell'assicurazione sanitaria di base aumenteranno circa del 4% l'anno prossimo. Lo indicano le previsioni del servizio di confronto online Comparis.ch. Secondo il portale, sono principalmente le quantità di prestazioni consumate in ambito medico a spingere i costi verso l'alto e non i prezzi.

 

Sei soddisfatto del sistema sanitario svizzero?

49 %
No
47 %
Non so
4 %
Il sondaggio � stato chiuso il 20/06/2018
Edizione del 19 luglio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top