Engelberg regala vacanze al personale sanitario

Come ringraziamento

In palio 1.000 settimane, i vincitori verranno estratti a sorte - Può partecipare il personale di ospedali e istituti svizzeri che curano malati di Covid-19

 Engelberg regala vacanze al personale sanitario
©KEYSTONE/URS FLUELER

Engelberg regala vacanze al personale sanitario

©KEYSTONE/URS FLUELER

Engelberg, nota meta turistica, ha deciso di regalare 1.000 settimane vacanza al personale specializzato della sanità come ringraziamento «per il loro instancabile impegno durante l’attuale crisi legata al coronavirus». Gli interessati possono registrarsi entro il 15 maggio su engelberg.ch/sagt-danke. Una volta verificato il rispetto dei requisiti, i 1.000 vincitori verranno estratti a sorte. Le settimane vacanza sono esigibili fino al 15 dicembre.

Il riconoscimento è stato deciso «come ringraziamento al personale medico specializzato e di assistenza, che nell’attuale crisi è continuamente in prima linea». Il soggiorno comprende sei pernottamenti con colazione in un albergo a 3 o 4 stelle, un lodge o nell’abbazia di Engelberg, nonché l’utilizzo gratuito delle ferrovie di montagna Titlis e Brunni. In sintonia con gli interessi dell’ospite verrà creato un pacchetto contenente ulteriori offerte a sorpresa individualizzate, gratuite o a condizioni speciali.

Ha diritto a partecipare il personale di ospedali e istituti svizzeri che curano malati di Covid-19. Possono quindi essere medici, infermieri, addetti all’assistenza, ma anche altri dipendenti delle strutture che si trovano esposti ad una pressione straordinaria a causa dell’epidemia.

Tutti gli aventi diritto possono registrarsi entro il 15 maggio 2020 su engelberg.ch/sagt-danke. Per poter partecipare è obbligatorio indicare il datore di lavoro e la motivazione che ha portato alla partecipazione. I 1.000 vincitori verranno poi estratti a sorte e, dopo aver verificato i dati da loro forniti, verranno informati personalmente. La settimana di vacanza è esigibile entro il 15 dicembre 2020.

Tutte le strutture si uniscono

In un lampo, nei giorni scorsi, si sono uniti hotel, ferrovie di montagna, piccole aziende, ristoranti, l’abbazia di Engelberg e altre strutture turistiche nonché lo stesso comune e hanno insieme garantito il finanziamento. L’iniziativa si svolge sotto l’egida di Alex Höchli, sindaco di Engelberg, Abate Christian Meyer, Abbazia di Engelberg, Dominique Gisin, medaglia olimpionica, Marco Odermatt, sciatore e ambasciatore di Engelberg, Monika RÜegger, consigliera nazionale di Engelberg nonché Andres Lietha, Direttore della Engelberg-Titlis Tourismus.

Alex Höchli ha dichiarato: ‹La solidarietà durante questa crisi è unica. In qualità di sindaco sono particolarmente lieto che tutte le strutture siano state subito pronte a contribuire a questa iniziativa. È sempre una piacevole sorpresa vedere quanto si possa fare in pochissimo tempo, se tutti contribuiscono al raggiungimento dello stesso obiettivo.›

Dominique Gisin ha aggiunto: ‹La crisi del coronavirus ci colpisce tutti con la stessa violenza e il sistema sanitario è estremamente sotto pressione. Con questa iniziativa vogliamo esprimere il nostro ringraziamento a tutti coloro che in questo momento, con il loro lavoro nella sanità, svolgono un servizio incredibile per l’intera popolazione. Chissà, magari ci sarà un’altra destinazione che seguirà il nostro esempio?›

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1