Estate da record per i campeggi

svizzera

Il TCS registra un +13% rispetto allo scorso anno - Il 90% erano turisti elvetici - Visto il gran numero di richieste, la stagione è stata prolungata di due settimane

Estate da record per i campeggi
© CdT/ Chiara Zocchetti

Estate da record per i campeggi

© CdT/ Chiara Zocchetti

Stagione più che positiva per i campeggi in Svizzera. TCS Camping ha registrato un aumento dei pernottamenti pari a una percentuale a due cifre, rispetto all’anno record 2019. Anche per l’autunno si sta delineando un trend positivo.

Quest’anno, gli svizzeri hanno dovuto attendere a lungo l’apertura della stagione dei campeggi. Ciononostante, quando il 6 giugno i 24 campeggi del TCS sono stati autorizzati ad aprire i battenti, non ci sono più stati indugi. Se negli altri anni in giugno, con buone previsioni meteorologiche, i campeggi nei fine settimana erano quasi interamente occupati, tutti i fine settimana di giugno 2020 hanno praticamente segnato il tutto esaurito e anche in settimana l’occupazione è stata superiore a quella degli anni precedenti. Con un totale di 112.493 pernottamenti nel mese di giugno, la crescita, rispetto all’anno precedente, è stata del 20%.

A metà estate è stato registrato un netto aumento. Alla fine di agosto, il totale dei pernottamenti è stato di 606.000, con un aumento del 13% rispetto all’anno precedente. «Durante le vacanze estive, la domanda è stata nettamente superiore alle nostre possibilità di accoglienza», ha spiegato Olivier Grützner, responsabile Turismo e tempo libero presso il TCS.

In riva all’acqua, le montagne e i glamping molto apprezzati

I luoghi di campeggio in riva all’acqua sono stati i primi ad annunciare il tutto esaurito in estate. Tuttavia, la crescita maggiore è stata registrata dalla regione alpina dei Grigioni, che ha compiuto un balzo in avanti del 47%. Anche le offerte di glamping sono state fortemente richieste: i circa 240 alloggi da affittare nelle aree di campeggio del TCS sono stati ampiamente occupati e quelli con bagno privato praticamente esauriti ininterrottamente dall’inizio di giugno fino alla metà di agosto.

Ospiti in maggioranza svizzeri

A quanto sembra, sono stati molti gli svizzeri che hanno deciso di seguire le raccomandazioni del Consiglio federale e a trascorrere le loro vacanze estive nella Confederazione. Nei campeggi del TCS, la proporzione degli ospiti elvetici ha così raggiunto quasi il 90%. Anche i concetti di protezione si sono rivelati molto efficaci.

Proroga della stagione in autunno

Anche le previsioni per settembre e ottobre sono molto rallegranti: per questi due mesi, le prenotazioni online superano di circa il 120% quelle dell’anno precedente. Il TCS ha già reagito a questa massiccia richiesta, decidendo di prolungare la stagione di due settimane.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1