Falsi poliziotti in manette a Visp

TRUFFE

I truffatori hanno contattato diversi pensionati e hanno fatto loro credere che un furto o un attacco informatico alla loro banca era previsto per cui la «polizia» voleva mettere il loro denaro al sicuro

Falsi poliziotti in manette a Visp
© Polizia cantonale Vallese (archivio)

Falsi poliziotti in manette a Visp

© Polizia cantonale Vallese (archivio)

Due presunti truffatori, che si spacciavano per poliziotti, sono stati arrestati venerdì scorso a Visp (VS) dalle forze dell’ordine al momento di una consegna di denaro pianificata. I due avevano già raggirato una pensionata sottraendole diverse decine di migliaia di franchi.

I due sospetti criminali hanno 22 e 56 anni e sono originari della Svizzera tedesca, ha comunicato oggi la polizia cantonale vallesana. Nello stesso contesto, e grazie alle informazioni delle forze dell’ordine vallesane, la polizia sangallese ha arrestato una donna portoghese di 20 anni. I tre si trovano attualmente in detenzione. Le indagini della Procura dovranno chiarire se i presunti colpevoli hanno altri crimini a loro carico.

Secondo la polizia, i presunti truffatori hanno contattato telefonicamente diversi pensionati nell’Alto Vallese e fatto loro credere che un furto o un attacco informatico alla loro banca era previsto per cui la «polizia» voleva mettere il loro denaro al sicuro. In questo modo i presunti criminali sono riusciti a sottrarre diverse decine di migliaia di franchi a una pensionata, sottolinea la nota.

Durante un altro trasferimento di denaro pianificato a Visp, gli agenti hanno arrestato i sospetti truffatori. Questa settimana, la polizia vallesana ha ricevuto altre segnalazioni di sospette truffe telefoniche da parte di falsi poliziotti, ha detto a Keystone-ATS Mathias Volken, portavoce della polizia vallesana.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1