FFS, con la nomina si parla subito anche di salario

Ex regie

Il nuovo CEO Vincent Ducrot prenderà meno del dimissionario Andreas Meyer, ma si parla comunque di un milione all’anno

FFS, con la nomina si parla subito anche di salario
© KEYSTONE

FFS, con la nomina si parla subito anche di salario

© KEYSTONE

FFS, con la nomina si parla subito anche di salario

FFS, con la nomina si parla subito anche di salario

Andreas Meyer, presidente dimissionario della direzione delle FFS, è il CEO di un’impresa vicina alla Confederazione di gran lunga più pagato. Il suo successore guadagnerà meno, ma la sua remunerazione potrà comunque raggiunge un milione di franchi.

Il salario di Andreas Meyer è stato oggetto fin dall’inizio di critiche. Al momento della sua entrata in carica, nel 2007, aveva ottenuto 100’000 franchi in più del suo predecessore, suscitando malcontenti. Al salario del CEO vanno poi aggiunti i contributi per la previdenza professionale a carico del datore di lavoro.

Per smorzare le polemiche, il Consiglio di amministrazione delle FFS aveva già indicato in settembre, al momento dell’annuncio delle dimissioni di Meyer, che la remunerazione del nuovo CEO sarà inferiore di circa il 20%. «Il salario fisso e variabile ammonterà complessivamente a 800’000 franchi, esclusa la cassa pensione», aveva dichiarato Monika Ribar, presidente del Consiglio di amministrazione al quotidiano romando Le Temps. Complessivamente quindi potrà raggiungere «un milione al massimo».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    I figli rinchiusi, picchiati e umiliati

    Violenze

    Un 49.enne del Kosovo e la ex moglie svizzera a processo davanti al Tribunale distrettuale di Zurigo per gravi maltrattamenti sui due loro bimbi - Stando alle accuse, i piccoli non potevano neanche usare il bagno e andavano a scuola coi vestiti che odoravano di urina - L’uomo sarebbe anche responsabile di toccamenti a sfondo sessuale

  • 3
  • 4

    Mascherine a scuola: le diverse opzioni in Svizzera

    Coronavirus

    L’insegnamento potrà svolgersi in classi al completo solo a condizione che le misure sanitarie vengano rispettate, indica la Conferenza intercantonale dell’istruzione pubblica della Svizzera romanda e del Ticino

  • 5
  • 1
  • 1