Finanziamento dei partiti: sì alla trasparenza

Sciaffusa

In futuro dovranno essere pubblicati i bilanci delle campagne per le elezioni e le votazioni con i nomi di privati e società che donano più di 3000 franchi in un anno

Finanziamento dei partiti: sì alla trasparenza
© CdT/Archivio

Finanziamento dei partiti: sì alla trasparenza

© CdT/Archivio

Nel canton Sciaffusa è stata approvata con il 53,8% di voti a favore l’iniziativa della Gioventù socialista (Giso) «Per la trasparenza del finanziamento dei partiti politici». La partecipazione - nell’unico cantone che prevede l’obbligo di recarsi alle urne - ha raggiunto il 63,9%.

Il testo, accolto con 15’904 voti contro 13’654, esige che i partiti pubblichino i bilanci delle campagne per le elezioni e le votazioni con i nomi di privati e società che donano più di 3000 franchi in un anno. Chi si candida per una carica pubblica a livello comunale o cantonale dovrà inoltre dichiarare i propri legami d’interesse.

Ritenendola di difficile applicazione, il governo e la maggioranza del parlamento erano contrari all’iniziativa. La legge introduce in effetti l’obbligo di presentare delle liste per le elezioni degli esecutivi cantonali e comunali. Con il sistema maggioritario finora in vigore, ogni avente diritto al voto era in teoria eleggibile.

Ticino, Ginevra e Neuchâtel sono gli unici cantoni che già hanno messo in atto misure sulla trasparenza dei finanziamenti ai partiti. Anche i cantoni di Svitto e Friburgo hanno approvato iniziative analoghe. Nel primo caso però la Giso, insoddisfatta del testo d’applicazione, ha portato il caso davanti al Tribunale federale. Nel secondo, le modalità di applicazione devono ancora essere discusse dal parlamento cantonale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1