Frontale a Meersburg, muore una famiglia di Sciaffusa

lago di costanza

L’auto è finita nella corsia di contromano e si è scontrata con un camion - Morti sul colpo due ragazzi di 12 e 18 anni e un uomo di 35

Frontale a Meersburg, muore una famiglia di Sciaffusa
© Dpa

Frontale a Meersburg, muore una famiglia di Sciaffusa

© Dpa

Tre persone residenti in Svizzera sono morte ieri mattina a Meersburg (D), sul Lago di Costanza non lontano dal confine elvetico, nello scontro tra un’automobile e un mezzo pesante. Altre due persone sono rimaste gravemente ferite nell’incidente, indica la polizia tedesca in una nota.

Secondo quanto riferito dal «Blick Online», le vittime facevano parte di una famiglia kosovara residente a Sciaffusa.

Dalle ricostruzioni sembra che la vettura, guidata da una 35enne ha iniziato a sbandare, è finita sulla corsia di contromano e si è scontrata con un camion che proveniva dalla direzione opposta.

La polizia precisa che due ragazzi di 12 e 18 anni come pure un uomo di 35 anni, presumibilmente il padre, sono morti sul colpo. La conducente e una ragazzina di 11 anni sono invece rimaste gravemente ferite, mentre il camionista è praticamente illeso.

Secondo quanto riferito dal portale web «Albinfo», gestito in Svizzera da un corrispondente del giornale albanese «Le Canton 27.ch», la famiglia era di ritorno in Svizzera dalle vacanze in Kosovo. Una delle tre vittime era in possesso del passaporto elvetico. La polizia svizzera è venuta in aiuto dei colleghi tedeschi con un elicottero per il trasporto di vittime e feriti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1