«Grazie per le straordinarie prestazioni e le grandi emozioni»

tokyo2020

La consigliera federale Viola Amherd scrive alla delegazione olimpica nel giorno di chiusura dei Giochi per complimentarsi con gli atleti: «Siete la delegazione svizzera che ha ottenuto più medaglie al femminile di sempre e la più vittoriosa dopo i giochi olimpici del 1952 a Helsinki»

«Grazie per le straordinarie prestazioni e le grandi emozioni»
© Keystone/Peter Schneider

«Grazie per le straordinarie prestazioni e le grandi emozioni»

© Keystone/Peter Schneider

La consigliera federale Viola Amherd, nel giorno della chiusura dei Giochi olimpici di Tokyo, ha scritto una lettera aperta alla delegazione olimpica elvetica, ringraziando gli atleti per le loro «straordinarie prestazioni» che hanno regalato «grandi emozioni alla popolazione svizzera» e hanno già acceso il fuoco olimpico per i prossimi Giochi di Pechino (nel 2022) e Parigi (2024).

«Siete la delegazione svizzera che ha ottenuto più medaglie al femminile di sempre e la più vittoriosa dopo i giochi olimpici del 1952 a Helsinki. Ogni volta mi avete fatta emozionare, sarei voluta essere lì con voi e abbracciarvi tutti», ha scritto Amherd nella lettera pubblicata oggi dal Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS). La Svizzera, 24esima nel medagliere, ha concluso le Olimpiadi di Tokyo ottenendo un totale di 13 medaglie: tre ori, quattro argenti e sei bronzi.

La «ministra» dello sport ha poi ricordato le difficoltà legate alla pandemia e all’incertezza generale degli ultimi mesi. «Vi ammiro per la vostra tenacia e per la volontà di concentrarvi su questo obiettivo tralasciando tutti il resto», ha aggiunto, precisando che sono proprio queste le qualità che rendono gli atleti «un modello per grandi e piccini».

La parte conclusiva della missiva della consigliera federale ribadisce inoltre l’impegno a più livelli da parte di Swiss Olympic, dell’Ufficio federale dello sport - e dei suoi collaboratori a Tenero e Macolin (BE) - e della Scuola universitaria federale dello sport, così come della promozione dello sport di punta dell’esercito. Delle 13 medaglie, ricorda Amherd, sette sono state vinte «da sportive e sportivi di punta a contratto temporaneo e da soldati sport».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    «Non sappiamo cosa ci aspetta con Omicron, inevitabili nuove misure»

    PANDEMIA

    Il consueto appuntamento con gli esperti per l’aggiornamento sulla situazione pandemica in Svizzera è stato anticipato a lunedì – «È ipotizzabile l’estensione dell’obbligo di indossare la mascherina all’interno e di sottoporsi al tampone per partecipare agli eventi» – «Ora dobbiamo pensare a combattere la Delta»

  • 3

    Niente Universiadi a Lucerna

    eventi

    La più grande competizione polisportiva al mondo dopo le Olimpiadi si sarebbe dovuta tenere dall’11 al 21 dicembre, ma a causa dell’evoluzione «molto dinamica» della pandemia non sarà possibile organizzarla

  • 4
  • 5

    Nelle scuole grigionesi un solo test alla settimana

    PANDEMIA

    I bambini e gli adulti che presentano sintomi sono invitati a rimanere a casa e a sottoporsi a un test presso una struttura riconosciuta – Se in una classe risultano positive almeno quattro persone, l’intera classe viene posta in quarantena per 10 giorni e viene introdotto l’insegnamento a distanza

  • 1
  • 1