Hotel di montagna, aiuti federali per rinnovare le strutture

alpi

È quanto chiede una mozione di Hans Stöckli adottata oggi dal Consiglio degli Stati per 28 voti a 17 - Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Hotel di montagna, aiuti federali per rinnovare le strutture
© CdT/Gabriele Putzu

Hotel di montagna, aiuti federali per rinnovare le strutture

© CdT/Gabriele Putzu

Gli hotel situati lungo l’Arco alpino dovrebbero beneficiare di un programma di impulso limitato nel tempo per consentirne la ristrutturazione.

È quanto chiede una mozione di Hans Stöckli (PS/BE) adottata oggi dal Consiglio degli Stati per 28 voti a 17. Il Nazionale deve ancora esprimersi.

Il «senatore» bernese giustifica il suo atto parlamentare col fatto che diversi i proprietari degli alberghi di montagna non sempre dispongono del capitale proprio necessario per gli investimenti più urgenti oppure hanno difficoltà nell’ottenere un credito dalle banche.

Tali difficoltà potrebbero venir attenuate fornendo invece un sostegno finanziario: in questo modo, la Confederazione contribuirebbe anche al raggiungimento degli obiettivi energetici, sostenendo nel contempo il turismo nelle Alpi. Un finanziamento speciale per questi lavori sarebbe possibile solo se le strutture presentano un «business plan» realistico ed escludendo un cambio d’uso delle proprietà, precisa mozione.

Diversi deputati PLR hanno deplorato la formulazione ristretta del testo, e ciò nonostante il fatto che la commissione dell’economia abbia appena presentato una mozione che chiede un programma d’impulso per il turismo svizzero. Secondo Hans Wicki (PLR/NW), non è solo l’industria alberghiera di montagna ad essere in difficoltà.

La Confederazione sostiene già le strutture ricettive attraverso la Società svizzera di credito alberghiero (SCH), ha sottolineato il ministro dell’economia Guy Parmelin, contrario alla mozione. Oltre ai prestatori privati, questo organismo concede infatti prestiti a condizioni preferenziali.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    Nei magazzini della Confederazione 740.000 test PCR scaduti

    coronavirus

    Un anno fa erano stati comprati al costo complessivo di circa 13,7 milioni di franchi - L’esercito, responsabile dell’acquisto per conto dell’UFSP, ha fatto sapere tramite il portavoce Stefan Hofer che un’analisi è in corso per stabilire se i singoli componenti possano ancora essere utilizzati

  • 3

    Randa, quasi trent’anni dalla grande frana

    vallese

    Il 18 aprile 1991 un’intera fetta della montagna si staccò scivolando a valle, senza causare vittime tra la popolazione: a morire furono trentacinque pecore e sette cavalli - «Una densa nuvola di polvere coprì tutto il villaggio, case, giardini e automobili: i bambini dovettero indossare mascherine per andare a scuola», ricorda il sindaco

  • 4

    Pressioni di Chiesa sul PLR per le riaperture

    coronavirus

    In un video diffuso questa mattina su Twitter, il presidente dell’UDC afferma che se i Liberali radicali dovessero continuare a perdere quote di elettori a causa dei «continui patti con la sinistra», il loro secondo seggio in Consiglio federale sarebbe a rischio

  • 5
  • 1
  • 1