Il 49% di Telepass finisce a una società svizzera

italia

Il gruppo italiano Atlantia ha venduto la quota di minoranza del leader europeo nei servizi di telepedaggiamento al private equity Partners Group

Il 49% di Telepass finisce a una società svizzera
© Archivio CdT

Il 49% di Telepass finisce a una società svizzera

© Archivio CdT

Atlantia: cede 49% Telepass a svizzera Partners Group

ROMA - Il gruppo italiano Atlantia ha venduto il 49% di Telepass al private equity Partners Group, con sede a Baar (ZG) e quotato alla Borsa svizzera, per 1,056 miliardi di euro.

Lo si legge in una nota, che spiega che «a valle della transazione, Partners Group e Atlantia lavoreranno a stretto contatto insieme a Telepass su una serie di iniziative strategiche per accelerare la crescita del business attuale e per sviluppare la piattaforma a livello paneuropeo»:

Il perfezionamento dell’operazione - spiega Atlantia - «è subordinato alle normali autorizzazioni e condizioni previste per questo tipo di operazioni ed è atteso nella prima metà del 2021». Atlantia manterrà il controllo della società che, pertanto, continuerà ad essere inclusa nel perimetro di consolidamento del Gruppo Atlantia.

Telepass è già un leader europeo nei servizi di telepedaggiamento con 7 milioni di clienti e oltre 12 milioni di dispositivi in circolazione, una piattaforma che gestisce transazioni per oltre 7 miliardi di euro l’anno nei 14 paesi europei nei quali opera, coprendo oltre 105.000 chilometri di reti autostradali.

Al primo gennaio, gli averi amministrati da Partners Group - impresa specializzata negli investimenti in altre società e nell’amministrazione patrimoniale - raggiungevano quasi gli 84 miliardi di euro. Nel 2019 gli effettivi di personale del gruppo sono cresciuti di circa un quinto: il gruppo dava lavoro a gennaio a 1465 persone a livello internazionale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Armi: giro di vite sull’export

    controprogetto

    Il Consiglio federale sta elaborando una controproposta all’iniziativa che chiede uno stop alla vendita di materiale bellico in Paesi che violano i diritti umani: previsti inasprimenti ma anche deroghe — I promotori arricciano il naso : «Una cosa è chiara: non accetteremo nessuna nuova scappatoia»

  • 2

    Stop agli interventi chirurgici secondari a Ginevra

    coronavirus

    La grande paura è quella di essere sommersi dall’afflusso di malati ed essere costretti a scegliere chi curare e chi abbandonare al proprio destino - «Non vogliamo trovarci nella condizione primaverile della Lombardia», ha affermato il direttore dell’Ospedale universitario ginevrino

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1