Il 5G rischia di essere un flop

Telecomunicazioni

In Svizzera gli operatori faticano a introdurre la telefonia mobile di nuova generazione: il problema sarebbe legato ai limiti di radiazione esistenti per le antenne - Previsto un incontro con la consigliera federale Simonetta Sommaruga

 Il 5G rischia di essere un flop
©CdT/ Chiara Zocchetti

Il 5G rischia di essere un flop

©CdT/ Chiara Zocchetti

Flop del 5G in Svizzera? Gli operatori telecom faticano a introdurre la telefonia mobile di nuova generazione. La settimana prossima cercheranno di sbloccare la situazione con un incontro con la consigliera federale Simonetta Sommaruga, riferisce il SonntagsBlick.

Nel febbraio 2019 la Svizzera è stata uno dei primi Paesi al mondo a mettere all’asta le frequenze, ricorda il domenicale. Oggi però poco più del 2% della popolazione utilizza il 5G. I rappresentanti del settore danno la colpa ai limiti di radiazione esistenti per le antenne di telefonia mobile: a loro avviso solo innalzandoli sarà possibile introdurre una rete 5G a livello nazionale.

I presidenti della direzione dei tre principali operatori del ramo nei prossimi giorni incontreranno la responsabile del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (DATEC). Lotteranno con ogni mezzo, secondo il SonntagsBlick. In dichiarazioni rilasciate al periodico, il numero uno di Sunrise André Krause attacca nel frattempo il Governo, reo a suo avviso di essere troppo passivo sul tema.

Ma anche se i limiti venissero innalzati la copertura completa 5G in Svizzera sarebbe ancora ben lungi dall’essere una realtà: in tal caso sarebbe infatti necessario un nuovo permesso di costruzione per ciascuna delle antenne la cui potenza di trasmissione deve essere aumentata, spiega il domenicale sulla base di informazioni raccolte presso l’Ufficio federale dell’ambiente. Oggi nella Confederazione vi sono 20’000 antenne.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Berna, test gratuiti sotto esame

    Consiglio nazionale

    In attesa della decisione del Governo su ulteriori inasprimenti delle disposizioni, sotto la cupola si torna a calibrare la legge COVID - La presa a carico dei tamponi da parte della Confederazione è fra i punti più caldi - L’UDC vuole mettere paletti ai datori di lavoro

  • 2
  • 3

    Un miliardo in più? «Verremmo derisi»

    FINANZE

    Il Nazionale respinge la proposta di aumentare di 953 milioni di franchi il contributo di coesione nel tentativo di sbloccare la partecipazione svizzera ai programmi di ricerca dell’UE - Il responsabile delle finanze Ueli Maurer: «Non saremmo più presi sul serio»

  • 4

    Un altro colpo per Artisa: il Seepark di Thun

    IMPRENDITORIA

    L’accordo tra venditore e acquirente prevede l’acquisizione della struttura e del personale, garantendo così il mantenimento degli attuali posti di lavoro e la continuità della qualità del servizio offerto alla clientela

  • 5

    Stop alla consultazione: d’accordo con Berna, ma non completamente

    SVIZZERA

    Il dettaglio che piace meno è l’introduzione del certificato COVID nelle riunioni private con più di 10 persone, ma anche il telelavoro generalizzato non attira – I test a scuola non sono ben visti (il Ticino propone la mascherina in terza e quarta elementare) – GastroSuisse contraria all’obbligo di consumare restando seduti

  • 1
  • 1