Il Canton Vaud dice no al 5G

telecomunicazioni

Niente nuove antenne sul territorio cantonale finché non sarà possibile verificare i valori delle radiazioni - Lo ha deciso il Consiglio di Stato

Il Canton Vaud dice no al 5G
©KEYSTONE/Martial Trezzini

Il Canton Vaud dice no al 5G

©KEYSTONE/Martial Trezzini

Niente nuove antenne 5G sul territorio del canton Vaud: lo ha deciso il Consiglio di Stato. Il divieto rimarrà in vigore fino a quando la Confederazione metterà a disposizione strumenti che consentano ai cantoni di verificare che i nuovi impianti rispettano i valori limite in materia di radiazioni.

Dopo il rapporto dell’Ufficio federale dell’ambiente sui rischi legati alla nuova tecnologia, pubblicato il 28 novembre, per il governo cantonale prioritario rimane il principio di precauzione: solo il mantenimento dei valori autorizzati attualmente permettono di garantire la protezione della popolazione.

Niente permessi per nuovi impianti 5G, quindi, in attesa di metodi di misurazione certificati dall’Istituto federale di metrologia. Il cantone autorizzerà solo modifiche minori di antenne esistenti, a condizione che non aumentino l’esposizione a radiazioni in luoghi sensibili come aree abitative, scuole e asili nido.

Vaud segue così una prassi già adottata da altri cantoni, in particolare della Svizzera romanda. I Verdi vodesi hanno reagito al divieto esprimendo soddisfazione. «È un’ottima notizia», hanno fatto sapere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    Dal 2022 torna Baselworld

    eventi

    I responsabili della fiera dell’orologeria e della gioielleria hanno annunciato che la manifestazione si terrà di nuovo fisicamente tra il 31 marzo e il 4 aprile

  • 2
  • 3

    Tutto quello che c’è da sapere sul certificato COVID e sui viaggi

    pandemia

    Come ci si deve comportare nella vita quotidiana o in occasione di grandi manifestazioni? Quando sarà richiesto il certificato COVID? Come saranno regolamentati i viaggi all’estero e l’entrata in Svizzera? Ecco le risposte alle molte domande legate alle nuove disposizioni decise dal Consiglio federale

  • 4

    La Svizzera riapre

    Lotta alla pandemia

    Da sabato 26 giugno revocati l’obbligo del telelavoro e della mascherina all’aperto, nei ristoranti non ci saranno più limiti al numero di ospiti per tavolo - Con il certificato COVID discoteche aperte e possibili grandi manifestazioni senza limiti di capienza - Estesa a 12 mesi la durata della protezione del vaccino

  • 5
  • 1
  • 1