Il coronavirus e i danni psichici a bambini e adolescenti

psichiatria

Il forte aumento dei trattamenti ospedalieri preoccupa - Tra le cause principali ci sono ansia, disturbi dell’umore o tendenze suicide

Il coronavirus e i danni psichici a bambini e adolescenti
©Shutterstock.com

Il coronavirus e i danni psichici a bambini e adolescenti

©Shutterstock.com

(Aggiornato alle 11.43) La pandemia del coronavirus potrebbe causare danni psichici a bambini e adolescenti: i principali ospedali del Paese segnalano un’affluenza di giovani pazienti, sia stazionari che ambulatoriali.

«Ogni anno in autunno registriamo un aumento delle domande per trattamenti stazionari e ambulatoriali, ma non abbiamo mai assistito a un tale incremento», ha detto a Keystone-ATS Alain di Gallo, direttore della Clinica per bambini e adolescenti alle cliniche psichiatriche di Basilea.

Le situazioni di crisi sono in aumento e la lista d’attesa per il trattamento ambulatoriale è molto lunga, ha aggiunto lo specialista, riferendosi a informazioni di diversi media.

I bambini sono un gruppo particolarmente vulnerabile, ha sottolineato Alain di Gallo. Incertezze nei genitori, insegnanti esauriti, amici che non si possono più incontrare se non a determinate condizioni: tutto questo lascia un segno.

Tentativi di suicidio

Anche al Centro ospedaliero universitario vodese (CHUV) di Losanna, il Servizio universitario di psichiatria del bambino e dell’adolescente (SUPEA) ha osservato un aumento del 50% delle domande di ricovero nel corso dell’estate rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Anche a livello ambulatoriale le richieste di monitoraggio di crisi sono in aumento, aggiunge la responsabile della SUPEA Kerstin von Plessen. I motivi: ansia, disturbi dell’umore o tendenze suicide. La clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna osserva lo stesso fenomeno.

A Malatavie, l’Unità di crisi per adolescenti degli Ospedali universitari di Ginevra, sono stati registrati nove tentativi di suicidio in ottobre e cinque in novembre contro rispettivamente uno e due l’anno scorso.

«Siamo molto preoccupati in quanto sappiamo che il suicidio tra i giovani ha un effetto contagioso», sottolinea la sua responsabile Anne Edan.

A Zurigo, la Clinica psichiatrica universitaria (PUK) non segnala alcun incremento a livello di ricoveri, ma dall’inizio dell’anno scolastico si nota un forte aumento dei contatti per casi urgenti. Secondo la PUK per l’insieme dell’anno la progressione potrebbe superare il 30%.

Problemi rinviati

Durante il semi lockdown della scorsa primavera non si era registrato alcun aumento. C’è stato addirittura un calo delle consultazioni, probabilmente perché si è raccomandato di restare a casa, osserva Alain di Gallo: «Ma i problemi non sono scomparsi, sono stati rinviati», precisa. «E adesso il vaso tracima», aggiunge.

Lo psichiatra sottolinea che i più colpiti sono i bambini provenienti da famiglie socialmente svantaggiate o che si trovavano già in una situazione difficile prima della pandemia. Dopo le vacanze scolastiche, gli alunni più deboli hanno scoperto di essere stati scaricati, dice.

Le conseguenze possono essere ansia, comportamenti aggressivi o un ritiro dall’ambiente sociale. Nonostante la crescente richiesta, il team di Alain di Gallo cerca di non lasciare indietro nessuno: «Selezioniamo con grande cura coloro che hanno davvero bisogno di aiuto in caso di emergenza. Anche la terapia di gruppo, ad esempio, è un modo per aiutare molte persone contemporaneamente». Lo specialista sottolinea inoltre l’importanza di una buona collaborazione con le istituzioni per i giovani in difficoltà e gli psicologi scolastici, al fine di utilizzare al meglio le risorse disponibili.

Più grave nei giovani

Spesso sono i problemi preesistenti a peggiorare, o la perdita di un ambiente favorevole allo sviluppo di questi giovani, dichiara von Plessen. A questo proposito, ritiene «molto importante che le scuole rimangano aperte, per mantenere l’ambiente scolastico».

Più in generale, «le conseguenze sono difficili da valutare», ha detto. «C’è molta attenzione per le questioni infettive e ci si dimentica un po’ delle conseguenze psicologiche di questa pandemia, che potrebbe essere più grave nei giovani che negli adulti», conclude Kerstin von Plessen.

Campagna dell’UFSP

Su mandato del Consiglio federale, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) lancerà giovedì una campagna di sensibilizzazione sul tema della salute psichica in periodo di coronavirus. Globalmente la prima ondata ha inizialmente influenzato il benessere personale poi la situazione si è distesa durante l’estate, rileva l’UFSP. Dopo la seconda ondata, l’umore si è nuovamente oscurato.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1