Il coronavirus fa fuggire i cinesi dalla perla delle Alpi

Il reportage

A Interlaken il turismo soffre: i visitatori asiatici sono fortemente diminuiti - Viaggio fra negozi vuoti e operatori speranzosi - LE FOTO E IL VIDEO

Il coronavirus fa fuggire i cinesi dalla perla delle Alpi
©CDT/Chiara Zocchetti

Il coronavirus fa fuggire i cinesi dalla perla delle Alpi

©CDT/Chiara Zocchetti

L’esplosione del coronavirus a Wuhan e la sua rapida propagazione ben oltre i confini della città cinese hanno avuto effetti anche in Svizzera. A Interlaken, da anni meta privilegiata di centinaia di migliaia di turisti asiatici, la presenza cinese è infatti crollata. La perla delle Alpi mostra in modo chiaro cosa comporta questa minaccia globale: tra i suoi cittadini prevalgono timori per la salute e per l’economia.

Il quadro

L’anno del Topo, che i cinesi di tutto il mondo avrebbero dovuto festeggiare con gioia e con i consueti scongiuri nelle prime settimane del 2020, è partito sotto i peggiori auspici. Se l’oroscopo cinese, alla fine del 2019, prevedeva «buona salute», il coronavirus - nell’arco di una manciata di settimane - ha saputo mettere in ginocchio dall’oggi al domani il potente...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Andrea Colandrea
  • 2 Coronavirus
Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1