Il dibattito su disoccupazione e terza età non si ferma

Confederazione

Il progetto di prestazione transitoria per consentire ai disoccupati di oltre 60 anni di arrivare alla pensione fa discutere le Camere

Il dibattito su disoccupazione e terza età non si ferma
© Shutterstock

Il dibattito su disoccupazione e terza età non si ferma

© Shutterstock

Continua a far discutere il progetto di prestazione transitoria per consentire ai disoccupati di oltre 60 anni di arrivare alla pensione. La commissione delle finanze del Consiglio degli Stati si è occupata oggi del tema, senza tuttavia trovare una posizione di maggioranza.

Il voto consultivo sul progetto si è concluso con sei voti favorevoli, sei contrari e un’astensione, indicano i servizi del parlamento in una nota. Non viene quindi formulata nessuna proposta alla Commissione della sicurezza sociale e della sanità degli Stati, a cui tocca ora l’esame del dossier.

Da un lato sono state accolte con favore le misure volte a migliorare l’integrazione dei disoccupati anziani sul mercato del lavoro. Diversi membri della commissione hanno però criticato le prestazioni transitorie. In particolare si sono chiesti se l’investimento finanziario della Confederazione corrisponda all’obiettivo di reinserimento.

Molti - aggiunge la nota - temono che questa nuova legge deresponsabilizzi i datori di lavoro incitandoli a separarsi più facilmente dei dipendenti vicini alla soglia della pensione. Ciò avrebbe un effetto controproducente rispetto a quanto auspicato dal Consiglio federale.

Secondo i fautori, le prestazioni transitorie fungerebbero invece da rete di salvataggio solo nel caso in cui le misure d’integrazione dei lavoratori anziani nel mercato del lavoro non abbiano avuto effetto. L’introduzione di queste prestazioni non comporterebbe inoltre costi aggiuntivi per il sistema, dato che ci sarebbero risparmi sulle prestazioni complementari e l’aiuto sociale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1