«Il Tribunale federale non è un casinò»

Svizzera

L’elezione dei giudici mediante sorteggio, come chiede un’iniziativa popolare in votazione il 28 novembre, è inconcepibile e inadatta: lo afferma un comitato partitico composto da PLR, Verdi, UDC, PS, Verdi-Liberali e Centro

«Il Tribunale federale non è un casinò»
© Shutterstock

«Il Tribunale federale non è un casinò»

© Shutterstock

L’elezione dei giudici federali da parte del parlamento conferisce legittimità democratica, indipendenza e diversità del più alto organo giudiziario svizzero. Per questo, la designazione mediante sorteggio, come chiede un’iniziativa popolare in votazione il 28 novembre, è inconcepibile e inadatta: il Tribunale federale non è un casinò.

Parola di un ampio comitato partitico composto di PLR, Verdi, UDC, PS, Verdi-Liberali e Centro, secondo cui i vantaggi del sistema attuale non devono essere messi a rischio alla leggera.

Legittimità democratica
Per il consigliere agli Stati Andrea Caroni (PLR/AR), citato in una nota odierna, la legittimità democratica del Tribunale federale è un elemento centrale nel nostro stato di diritto: «Oggi i nostri giudici federali godono di legittimità democratica. Sono infatti eletti dal popolo stesso attraverso i suoi rappresentanti. Una lotteria non può sostituire la democrazia».

Stando alla consigliera nazionale Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE), un sorteggio dei giudici non porta alcun valore aggiunto: «Una lotteria non deve sostituire il sistema democratico. Il Tribunale federale non è un casinò. Una lotteria non garantirebbe che i migliori candidati ottengano il posto. Indebolirebbe soltanto il sistema».

Indipendenza garantita
Nel sistema attuale, secondo il comitato, i parlamentari garantiscono una composizione equilibrata del Tribunale federale per ciò che riguarda il sesso, le lingue e le visioni del mondo politico.

Per gli oppositori al sistema del sorteggio, i promotori dell’iniziativa dipingono un quadro cupo di un sistema giudiziario svizzero presumibilmente dipendente dai partiti ed ingiusto: non esiste alcuna prova che i giudici federali non siano indipendenti, tant’è che, in diverse occasioni, i partiti politici hanno espresso insoddisfazione per le decisioni prese dai «loro» giudici. Oltre a ciò, i giudici federali non sono mai stati rimossi dall’incarico per questo motivo.

L’iniziativa
L’iniziativa popolare «Per la designazione dei giudici federali mediante sorteggio (Iniziativa sulla giustizia)» chiede che in futuro i giudici del Tribunale federale siano designati mediante sorteggio e che il mandato cessi cinque anni dopo l’età ordinaria di pensionamento. Solo in caso di gravi violazioni o malattia spetterebbe all’Assemblea federale intervenire.

I partecipanti al sorteggio verrebbero decisi da una commissione peritale, ancora da fondare. I candidati non verrebbero quindi più scelti dalla Commissione di giustizia del parlamento. Questa nuova commissione dovrebbe essere indipendente da autorità e partiti.

Per i fautori, i partiti politici nel sistema attuale ignorano la separazione dei poteri. Decidono chi prende posto nel più alto grado di giustizia e i giudici sono membri di partito, con dei veri e propri mandati. In questo modo i meglio qualificati, senza partito, non hanno possibilità di diventare giudici del Tribunale federale. La vera competenza in materia sarebbe secondaria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 1