Il Venoge Festival guarda al 2022: Iggy Pop, Limp Bizkit e Bob Sinclair

EVENTI

Tra il 17 e il 21 agosto l’open air situato nel distretto del Gros-de-Vaud proporrà serate rock, anni ‘80, elettroniche, pop nonché una giornata per famiglie la domenica – Anche Madness e Martin Solveig

Il Venoge Festival guarda al 2022: Iggy Pop, Limp Bizkit e Bob Sinclair
© Facebook (Venoge Festival)

Il Venoge Festival guarda al 2022: Iggy Pop, Limp Bizkit e Bob Sinclair

© Facebook (Venoge Festival)

Dopo due anni di pausa forzata il Venoge Festival tornerà dal 17 al 21 agosto 2022 a Penthaz (VD). Gli organizzatori hanno annunciato oggi alcuni degli artisti della 26. edizione, tra questi Iggy Pop, Limp Bizkit, Madness, Martin Solveig e Bob Sinclair.

Tra gli ospiti principali l’icona del punk Iggy Pop. Per cinque giorni l’open air situato nel distretto del Gros-de-Vaud proporrà serate rock, anni ‘80, elettroniche, pop nonché una giornata per famiglie la domenica.

«Questa nuova edizione sarà l’occasione di inaugurare un nuovo ciclo. Il comitato del Venoge Festival ha approfittato della pausa forzata legata alla COVID per ripensare il festival conservando la sua identità e l’anima stessa dell’open air», spiegano gli organizzatori in una nota.

Nato negli anni ‘90 a Penthalaz (VD), l’open air era stato costretto a trasferirsi in seguito alle pressioni dei residenti locali.

I biglietti venduti nel 2021 rimangono validi per il 2022. Nel 2019, il festival aveva attirato 30.000 persone. Il resto del programma verrà reso noto in un secondo tempo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1
  • 2

    Long COVID, dure critiche al Consiglio federale e all’UFSP

    svizzera

    Secondo l’organizzazione di categoria ancora dopo due anni i responsabili preferiscono non quantificare la portata delle conseguenze a lungo termine del virus, in questo modo alcune vittime della pandemia sono ignorate o accettate come danni collaterali

  • 3
  • 4

    Impennata nei casi di epatite E a inizio 2021

    Sanità

    In Svizzera i dati sono triplicati rispetto alla media degli anni precedenti - Le indagini condotte dall’Ufficio federale della sanità pubblica non hanno permesso di identificare la causa del fenomeno - È stato dimostrato però che le infezioni sono causate da un sottotipo del virus predominante negli allevamenti di suini

  • 5
  • 1
  • 1