Imbrattò un edificio di Credit Suisse: annullata l’assoluzione

giustizia

Il Tribunale federale ha ritenuto che il giovane, un attivista per il clima, non può invocare lo «stato di necessità putativo», per il quale deve esistere un pericolo imminente per un interesse giuridico individuale: «Il fatto di imbrattare una facciata un edificio non previene direttamente il riscaldamento climatico»

Imbrattò un edificio di Credit Suisse: annullata l’assoluzione
© Shutterstock

Imbrattò un edificio di Credit Suisse: annullata l’assoluzione

© Shutterstock

Il Tribunale federale (TF) ha annullato l’assoluzione di un attivista per il clima che aveva imbrattato un edificio del Credit Suisse con vernice rossa a Ginevra nell’ottobre 2018. Ritiene che il giovane non può invocare lo «stato di necessità putativo».

Come nel caso degli attivisti per il clima che avevano giocato a tennis nell’atrio di una filiale del Credit Suisse a Losanna nel novembre 2018, il Tribunale federale conclude che non ci sono le condizioni di un lecito stato di necessità.

In una sentenza pubblicata oggi, la Corte precisa che nel caso di questo stato di necessità, deve esistere un pericolo imminente per un interesse giuridico individuale. Il pericolo deve concretizzarsi nelle ore successive e non deve poter essere evitato in nessun altro modo.

Secondo i giudici, il riscaldamento climatico e i disastri che provoca non rappresentano un tale pericolo imminente. Le conseguenze possono in effetti colpire tutti indistintamente, in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, senza che sia possibile identificare un bene giuridico particolarmente minacciato.

Il fatto poi di imbrattare una facciata di edificio non previene direttamente il riscaldamento climatico e le sue conseguenze. Le cause del riscaldamento sono molteplici e non sono limitate agli investimenti del Credit Suisse nelle energie fossili.

Secondo il TF, l’attivista di Breakfree Suisse non può invocare la libertà di espressione o la libertà di riunione. L’ordine pubblico protegge solo le riunioni pacifiche. Le autorità non devono considerare solo gli interessi dei manifestanti, ma anche salvaguardare le libertà dei terzi non manifestanti.

Nella sua sentenza, il Tribunale federale ha accolto i ricorsi della Procura di Ginevra e del Credit Suisse. Il caso è rinviato al tribunale cantonale.

In prima istanza, il tribunale di polizia aveva condannato l’attivista a una pena pecuniaria di 10 aliquote giornaliere da 30 franchi sospese per danni alla proprietà. In appello, il giovane era stato assolto dalla Camera penale di appello.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Svizzera
  • 1

    In migliaia contro il certificato COVID

    PAndemia

    Grande manifestazione a Berna contro la politica di restrizioni del Governo per fronteggiare il coronavirus - Palazzo federale isolato con delle transenne

  • 2

    Chiesa: «L’obbligo del pass COVID è un inutile paternalismo»

    UDC

    I delegati democentristi riuniti in assemblea a Montricher dicono «no» all’iniziativa «per cure infermieristiche forti» e «no» a quella per la giustizia - Adottata una risoluzione contro le città governate dalla sinistra - Il presidente della Confederazione Parmelin sulla pandemia: «La Svizzera ha limitato i danni»

  • 3
  • 4

    I lupi? Sì all’uccisione preventiva

    Svizzera

    Lo chiede la commissione dell’ambiente del Consiglio degli Stati, che ha deciso di presentare un’iniziativa parlamentare volta a modificare la legge sulla caccia

  • 5
  • 1
  • 1